Garante per la protezione
    dei dati personali


Comunicato Stampa

IL GARANTE VIETA LA DIFFUSIONE DELLE FOTO SEGNALETICHE E SEGNALA LA VIOLAZIONE AL CAPO DELLA POLIZIA

Il collegio del Garante per la protezione dei dati personali, composto da Stefano Rodotà, Giuseppe Santaniello, Gaetano Rasi e Mauro Paissan, si è riunito nella mattinata di oggi nel quadro del procedimento instaurato il 21 novembre scorso in relazione all'indagine penale su stupefacenti e prostituzione in corso a Roma. L'Autorità ha vietato l'utilizzazione di foto segnaletiche in violazione della vigente disciplina, chiedendo anche informazioni agli uffici di polizia interessati e segnalando al Capo della polizia la diffusione illecita registratasi nei giorni scorsi per quanto di competenza in relazione alle violazioni di ordine disciplinare.

La violazione del divieto disposto dal Garante costituisce reato.

L'Autorità definirà nel più breve tempo possibile il procedimento anche in riferimento agli altri profili della vicenda in esame, distinguendo le legittime attività di cronaca su fatti, nomi e notizie relative a persone coinvolte conformi alla disciplina vigente (compreso il codice di deontologia per l'attività giornalistica), dall'eventuale indebita diffusione di dettagli relativi al contenuto di conversazioni telefoniche, di estremi identificativi di utenze telefoniche e di altri dati personali raccolti o diffusi illecitamente.

Roma, 26 novembre 2003

VEDI ANCHE

* 21.11.2003 - Garante avviato procedimento per diffusione foto segnaletiche

* 08.04.2003 - La diffusione di foto segnaletiche è consentita solo per fini di giustizia o di polizia. Richiamo del Garante

* 15.01.1999 - Foto segnaletiche

* 21.08.1997 - Foto e dignità della persona

* 02.07.1997 - Privacy e foto segnaletiche