Garante per la protezione
    dei dati personali


Comunicato Stampa

GARANTE HA AVVIATO PROCEDIMENTO PER DIFFUSIONE FOTO SEGNALETICHE

In relazione ad una indagine penale in corso a Roma in materia di stupefacenti e prostituzione, alcuni servizi giornalistici hanno diffuso, unitamente a legittime notizie di cronaca, foto segnaletiche ed altri dati relativi in particolare a conversazioni ed utenze telefoniche, in violazione della  disciplina sui doveri d’ufficio di appartenenti alle forze dell’ordine, richiamati anche in atti generali dei relativi vertici, e in contrasto con la normativa sulla protezione dei dati e del diritto d’autore.

Il Garante per la protezione dei dati personali ricorda di aver già vietato in passato la diffusione di foto segnaletiche fuori dei casi consentiti dalla legge, con un provvedimento il cui rispetto è per alcuni profili sanzionato anche penalmente.

L’Autorità sottolinea l'illiceità dei nuovi fatti e rende noto di aver avviato un nuovo procedimento per accertare i responsabili del trattamento illecito dei dati; si riserva inoltre di adottare i necessari provvedimenti d’urgenza e di denuncia all’autorità giudiziaria.

Roma, 21 novembre 2003