Garante per la protezione
    dei dati personali


Istituti di credito - Non luogo a provvedere in caso di idoneo riscontro alle richieste

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Nella riunione odierna, in presenza del prof. Stefano Rodotˆ, presidente, del prof. Giuseppe Santaniello, vice presidente, del prof. Gaetano Rasi e del dott. Mauro Paissan, componenti e del dott. Giovanni Buttarelli, segretario generale;

Esaminato il ricorso presentato da Filomena Sisto rappresentata e difesa dall' avv. Domenico Romito presso il cui studio ha eletto domicilio;

nei confronti di

Banca Meridiana S.p.A.

Visti gli articoli 13 e 29 della legge 31 dicembre 1996, n. 675 e gli articoli 18, 19 e 20 del d.P.R. 31 marzo 1998, n. 501;

Viste le osservazioni dell'Ufficio formulate dal segretario generale ai sensi dell'art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000;

Relatore il prof. Stefano Rodotˆ;

PREMESSO:

La ricorrente afferma di non aver ricevuto riscontro ad un'istanza formulata ai sensi dell'art. 13 della legge n. 675/1996 con la quale aveva chiesto conferma dell'esistenza di dati personali che la riguardano presso gli archivi della resistente con specifico riferimento all'emissione di libretti nominativi e ad altri documenti o prospetti correlati; ha chiesto quindi la comunicazione in forma intelligibile dei dati stessi e di conoscerne la relativa origine.

Nel ricorso proposto ai sensi dell'art. 29 della legge n. 675/1996, l'interessata ha ribadito le proprie richieste.

All'invito ad aderire formulato da questa Autoritˆ in data 1¡ ottobre 2003, ai sensi dell'art. 20 del d.P.R. n. 501/1998, la resistente ha risposto con nota in data 17 ottobre 2003 con la quale ha comunicato i dati personali riferiti alla ricorrente detenuti nei propri archivi elettronici, evidenziando in particolare le informazioni relative a cinque libretti di deposito a risparmio "collegati" al nominativo dell'interessata.

La banca ha specificato che i dati sarebbero stati forniti dalla medesima ricorrente "al momento dell'apertura dei rapporti bancari" stessi, ed ha fornito anche alcune informazioni relative ad un contratto di deposito a risparmio al portatore sottoscritto dall'interessata nel febbraio del 2000. La resistente ha inoltre allegato l'informativa rilasciata ai sensi dell'art. 10 della legge n. 675/1996, nella quale sono indicati "la logica e la finalitˆ del trattamento dei dati e le categorie di soggetti ai quali i dati sono stati comunicati".

CIñ PREMESSO IL GARANTE OSSERVA:

Il ricorso concerne il trattamento di dati personali dell'interessata svolto da un istituto di credito.

Sul ricorso va dichiarato non luogo a provvedere ai sensi dell'art. 20, comma 2, del d.P.R. n. 501/1998.

La resistente ha infatti fornito un idoneo riscontro alle richieste dell'interessata, sia pure solo dopo la presentazione del ricorso, comunicando i dati in proprio possesso e precisando l'origine degli stessi.

PER QUESTI MOTIVI IL GARANTE:

dichiara non luogo a provvedere sul ricorso, ai sensi dell'art. 20, comma 2, del d.P.R. n. 501/1998.

Roma, 19 novembre 2003

Il presidente
Rodotà

Il relatore
Rodotà

Il segretario generale
Buttarelli