Garante per la protezione
    dei dati personali


Provvedimento del 2 luglio 2003

Il ricorso al Garante non regolarizzato nei termini stabiliti Ź inammissibile.

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Nella riunione odierna, con la partecipazione del prof. Stefano Rodotą, presidente, del prof. Giuseppe Santaniello, vice-presidente, del prof. Gaetano Rasi e del dottor Mauro Paissan, componenti e del dottor Giovanni Buttarelli, segretario generale;

VISTO il ricorso, pervenuto al Garante il 7 maggio 2003, presentato da Cesare Negri nei confronti di Aspiag Service S.p.A.;

VISTI gli ulteriori atti d'ufficio e, in particolare, la nota prot. n. 7273 del 20 maggio 2003 con la quale questa Autoritą ha invitato il ricorrente a regolarizzare il ricorso;

CONSIDERATO che il ricorrente non ha provveduto a regolarizzare il ricorso nei termini precisati nella citata nota ed ha anzi proposto un nuovo ricorso in data 17 giugno 2003;

RITENUTA la necessitą di dichiarare l'inammissibilitą del ricorso;

VISTO l'art. 29 della legge n. 675/1996 e gli artt. 18 e 19 del d.P.R. n. 501/1998;

VISTE le osservazioni formulate dal segretario generale ai sensi dell'art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000;

RELATORE il prof. Gaetano Rasi;

DICHIARA:

l'inammissibilitą del ricorso.

Roma, 2 luglio 2003

IL PRESIDENTE
Rodotà

IL RELATORE
Rasi

IL SEGRETARIO GENERALE
Buttarelli