Garante per la protezione
    dei dati personali


PROVVEDIMENTO DEL 17LUGLIO 2008

IL GARANTE PER LAPROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

NELLA riunione odierna, in presenza delprof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. Giuseppe Chiaravalloti,vicepresidente, del dott. Mauro Paissan e del dott. Giuseppe Fortunato,componenti e del dott. Giovanni Buttarelli, segretario generale;

VISTO il ricorso, pervenuto al Garante il14 aprile 2008, presentato nei confronti di Wind telecomunicazioni S.p.A., conil quale Nella Varrone (rappresentata e difesa dall'avv. Cristiano Fresia), nelcontestare la ricezione di una comunicazione a carattere promozionale allapropria utenza telefonica fissa da parte della societˆ resistente, ha ribaditola propria richiesta, avanzata ai sensi dell'art. 7 del Codice con interpellodatato 7 marzo 2008, volta a ottenere la comunicazione dei dati personali chela riguardano, il loro blocco se trattati in violazione di legge el'opposizione al loro trattamento a fini commerciali e promozionali; rilevatoche la ricorrente ha anche chiesto di porre a carico della resistente le spesedel procedimento;
VISTI gli ulteriori atti d'ufficio e, in particolare,la nota del 16 aprile 2008 con la quale questa Autoritˆ, ai sensi dell'art.149, comma 1, del Codice in materia di protezione dei dati personali (d.lg. 30giugno 2003, n. 196), ha invitato il titolare del trattamento a fornireriscontro alle richieste dell'interessata, nonchŽ la nota del 6 giugno 2008 conla quale questa Autoritˆ ha comunicato alle parti la proroga del termine per ladecisione sul ricorso;

VISTA la nota anticipata via fax il 2maggio 2008 con la quale la resistente, nel comunicare di aver fornitoriscontro all'interessata il 10 aprile 2008, ha comunicato di non averrinvenuto nei propri archivi dati personali che la riguardano e ha chiesto allastessa ulteriori indicazioni sull'utenza telefonica sulla quale sono statiricevuti i contatti, in modo da adottare le idonee misure volte a evitare unulteriore trattamento dei dati per finalitˆ promozionali;

VISTE le memorie inviate via fax il 7 eil 30 maggio, nonchŽ il 1¡ luglio 2008 con le quali la ricorrente,nell'indicare il numero di utenza telefonica fissa oggetto dell'opposizione dicui all'art. 7, comma 4, lett. b), del Codice (che, ad avviso della stessa,avrebbe potuto essere individuato dalla resistente in diversi modi, non ultimoin considerazione dei dati contenuti nel documento di identitˆ allegatoall'interpello che riportava anche il cognome da coniugata della medesima), hacontestato la liceitˆ del trattamento e ha rilevato di aver ricevuto ilriscontro della resistente solo dopo la presentazione del ricorso;

VISTE le note anticipate via fax il 21maggio e il 20 giugno 2008 con le quali la resistente ha confermato di averadottato misure idonee ad evitare il trattamento dei dati relativi all'utenzatelefonica in questione per le finalitˆ di tipo promozionale e ha rappresentatola propria difficoltˆ, prima dell'esplicita indicazione di tale numero, aindividuare i dati della ricorrente, tenuto conto che l'utenza stessa, nei propriarchivi, risultava intestata solo al marito defunto della ricorrente; rilevatoche la resistente ha sostenuto di aver verificato solo successivamente chenell'elenco telefonico generale l'utenza risulta intestata anche allaricorrente, ma non con il nome da nubile con cui ha presentato l'istanza,quanto piuttosto con quello da coniugata;

RITENUTO di dover dichiarare non luogo aprovvedere sul ricorso ai sensi dell'art. 149, comma 2, del Codice avendo iltitolare del trattamento fornito un sufficiente riscontro alla ricorrente,seppure solo dopo la presentazione del ricorso, assicurando anche di averaderito alla sua opposizione al trattamento dei dati per finalitˆ promozionali;

VISTA la determinazione generale del 19ottobre 2005 sulla misura forfettaria dell'ammontare delle spese e dei dirittida liquidare per i ricorsi; ritenuto congruo, su questa base, determinarel'ammontare delle spese e dei diritti inerenti all'odierno ricorso nella misuraforfettaria di euro 500, di cui euro 150 per diritti di segreteria, consideratigli adempimenti connessi, in particolare, alla presentazione del ricorso eritenuto di porli a carico di Wind telecomunicazioni S.p.A. nella misura dieuro 250, previa compensazione della residua parte per giusti motivi;

VISTI gli artt. 145 e s. del Codice inmateria di protezione dei dati personali (d.lg. 30 giugno 2003, n. 196);

VISTE le osservazioni dell'Ufficioformulate dal segretario generale ai sensi dell'art. 15 del regolamento delGarante n. 1/2000;

RELATORE il dott. Giuseppe Fortunato;

TUTTO CIñ PREMESSO ILGARANTE

a) dichiara non luogo a provvedere sulricorso;


b) determina nella misura forfettaria di euro 500 l'ammontaredelle spese e dei diritti del procedimento posti, nella misura di 250 euro,previa compensazione della residua parte per giusti motivi, a carico di Windtelecomunicazioni S.p.A., la quale dovrˆ liquidarli direttamente a favore dellaricorrente.

Roma, 17 luglio 2008

Il presidente
Pizzetti

Il relatore
Fortunato

Il segretario generale
Buttarelli