Garante per la protezione
    dei dati personali


PROVVEDIMENTO DEL 26GIUGNO 2008

IL GARANTE PER LAPROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

NELLA riunione odierna, in presenza delprof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. Giuseppe Chiaravalloti,vicepresidente, del dott. Mauro Paissan e del dott. Giuseppe Fortunato,componenti e del dott. Giovanni Buttarelli, segretario generale;

VISTO il ricorso pervenuto al Garante il18 marzo 2008 presentato da Rosa Mattioli nei confronti di Sky Italia s.r.l.con il quale la ricorrente, nel contestare la ricezione di alcune comunicazionia carattere promozionale alla propria utenza telefonica di rete fissa, haribadito le proprie richieste avanzate ai sensi dell'art. 7 del Codice inmateria di protezione dei dati personali (d.lg. 30 giugno 2003, n. 196), voltea ottenere la comunicazione in forma intelligibile dei dati personali che lariguardano, a conoscerne l'origine, la logica, le modalitł e le finalitł su cuisi basa il trattamento, nonchÄ i soggetti o le categorie di soggetti cui imedesimi dati possono essere comunicati, oltre agli estremi identificativi delresponsabile eventualmente designato; rilevato che con il ricorso la ricorrentesi Ć nuovamente opposta al trattamento dei medesimi dati a fini commerciali epromozionali, sollecitandone la cancellazione e ha chiesto infine di porre acarico della resistente le spese del procedimento;

VISTI gli ulteriori atti d'ufficio e, inparticolare, la nota del 20 marzo 2008 con la quale questa Autoritł, ai sensidell'art. 149, comma 1, del Codice, ha invitato il titolare del trattamento afornire riscontro alle richieste dell'interessata, nonchÄ la nota del 5 maggio2008 con la quale questa Autoritł ha comunicato alle parti la proroga deltermine per la decisione sul ricorso;

VISTA la nota anticipata via fax il 2aprile 2008 con la quale Sky Italia s.r.l., nello scusarsi per il ritardo "dovutoad un increscioso disguido interno", ha riscontrato le richieste della ricorrente, precisando che i datipersonali che la riguardano "provengono da un nostro database, nelquale abbiamo a suo tempo riversato le informazioni estratte dagli elenchitelefonici pubblici" e che "neiprecedenti invii di materiale promo-pubblicitario abbiamo provveduto a fornirLeun'idonea informativa che conteneva tutte le informazioni richieste  dallalegge, tra cui anche le modalitł con cui esercitare i suoi diritti (╔)"; rilevato che con la medesima nota la societł resistente ha dichiaratodi essersi "attivata per registrare l'opposizione al trattamento eall'utilizzo dei dati personali"dell'interessata e "per fare in modo che la medesima non venga piŁcontattata per promozioni commerciali di alcun genere";

VISTA la memoria inviata via fax l'8aprile 2008 con la quale la ricorrente ha ritenuto "labile elacunoso" il riscontro fornitodalla controparte, sia perchÄ i  dati personali che la riguardano"non compaiono sugli elenchi telefonici pubblici da almeno due anni", sia perchÄ le istanze ex art. 7 del Codice "riguardavanoproposte pubblicitarie telefoniche e non il ricevimento di materiale cartaceoper posta ordinaria"; visto checon la medesima nota l'interessata ha quindi ribadito la richiesta di porre acarico della controparte le spese del procedimento;

VISTA la nota pervenuta via fax il 28maggio 2008 con la quale la resistente ha affermato che "i dati personalidella ricorrente sono stati estratti da una banca dati che la scrivente haprovveduto a costituire nel tempo, riversando in essa – precedentementeall'entrata in vigore della nuova disciplina relativa agli elenchi telefonici– i dati personali estratti dagli elenchi telefonici. In particolare, idati relativi alla ricorrente sono stati estratti dall'elenco telefonicodell'anno 2004"; rilevato checon la medesima nota Sky Italia s.r.l. ha dichiarato che "in occasionedel primo contatto con la ricorrente, avvenuto nel giugno 2005 mediante invio (dell'allegato) opuscolo promozionale, Ć statafornita (╔) una breve ma efficaceinformativa" e che pertanto "conla ricorrente era stato gił instaurato un rapporto nell'ambito del quale lamedesima ha sempre avuto la possibilitł di opporsi al trattamento dei propridati per finalitł promozionali";

RITENUTO di dover dichiarare non luogo aprovvedere sul ricorso, ai sensi dell'art. 149, comma 2, del Codice, avendo iltitolare del trattamento fornito un sufficiente riscontro all'interessata,seppure solo dopo la presentazione del ricorso;

VISTA la determinazione generale del 19ottobre 2005 sulla misura forfettaria dell'ammontare delle spese e dei dirittida liquidare per i ricorsi; ritenuto congruo, su questa base, determinarel'ammontare delle spese e dei diritti inerenti all'odierno ricorso nella misuraforfettaria di euro 500, di cui euro 150 per diritti di segreteria, consideratigli adempimenti connessi, in particolare, alla presentazione del ricorso eritenuto di porli a carico di Sky Italia s.r.l. nella misura di 250 euro,previa compensazione della residua parte per giusti motivi;

VISTI gli artt. 145 e s. del Codice inmateria di protezione dei dati personali (d.lg. 30 giugno 2003, n. 196);

VISTE le osservazioni dell'Ufficioformulate dal segretario generale ai sensi dell'art. 15 del regolamento delGarante n. 1/2000;

RELATORE il dott. Mauro Paissan;

TUTTO CI˝ PREMESSO ILGARANTE

a) dichiara non luogo a provvedere sulricorso;

b) determina nella misura forfettaria dieuro 500, l'ammontare delle spese del procedimento posto, nella misura di 250euro, previa compensazione della residua parte per giusti motivi, a carico diSky Italia s.r.l., la quale dovrł liquidarli direttamente a favore dellaricorrente.

Roma, 26 giugno 2008

Il presidente
Pizzetti

Il relatore
Paissan

Il segretario generale
Buttarelli