Garante per la protezione
    dei dati personali


Provvedimento del 2 aprile2008

IL GARANTE PER LAPROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

NELLA riunione odierna, in presenza delprof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. Giuseppe Chiaravalloti,vicepresidente, del dott. Mauro Paissan e del dott. Giuseppe Fortunato,componenti;

VISTO il ricorso al Garante presentato invia d'urgenza il 4 febbraio 2008 da XY nei confronti di Cassa di risparmio diParma e Piacenza S.p.A. e Banca d'Italia con il quale il ricorrente, a seguitodell'iscrizione del proprio nominativo presso l'archivio informatizzato degliassegni bancari e postali e delle carte di pagamento (Centrale d'allarmeinterbancaria–C.a.i.), istituito presso la Banca d'Italia, per ilpagamento tardivo di un assegno dallo stesso emesso in qualitą di delegato suun conto corrente intestato a un terzo, imprenditore individuale, ha chiesto lacancellazione della predetta iscrizione dal medesimo archivio C.a.i.ritenendola erronea, dovendo la stessa interessare eventualmente il traente delconto corrente e non il delegato (cioŹ il soggetto che ha delega di traenza) enon essendo stato inoltrato correttamente il preavviso di revoca previstodall'art. 9-bis della legge 15dicembre 1990, n. 386;

RILEVATO che il ricorrente ha chiesto diporre a carico delle controparti le spese sostenute per il procedimento;

VISTI gli ulteriori atti d'ufficio e, inparticolare, la nota del 6 febbraio 2008 con la quale questa Autoritą, ai sensidell'art. 149, comma 1, del Codice in materia di protezione dei dati personali(d.lg. 30 giugno 2003, n. 196), ha invitato il titolare del trattamento afornire riscontro alle richieste dell'interessato;

VISTA la nota inviata via fax il 13febbraio 2008 con la quale Cassa di risparmio di Parma e Piacenza S.p.A. hacomunicato di aver cancellato  il nominativo del ricorrente in data 12febbraio 2008;

VISTE la nota e la memoria presentaterispettivamente il 12 e il 19 febbraio 2008 con le quali Banca d'Italia ha,sostenuto, tra l'altro, che "la disciplina sull'archivio informatizzatodegli assegni bancari e postali e delle carte di pagamento pone a carico deglienti segnalanti (nella specie Cariparma) la responsabilitą dell'esattezza deidati trasmessi”; ad essi,quindi,  spetterebbe disporre la cancellazione e la rettifica dei datierrati;

VISTA la nota inviata via fax il 17 marzo2008 con la quale il ricorrente ha ribadito la richiesta relativa alle spesedel procedimento;

RITENUTA la necessitą di dichiarare nonluogo a provvedere sul ricorso, ai sensi dell'art. 149, comma 2, del Codice,avendo Cassa di risparmio di Parma e Piacenza S.p.A. aderito alla richiesta delricorrente volta a ottenere la cancellazione dei dati personali che loriguardano dall'archivio C.a.i.;

VISTA la determinazione generale del 19ottobre 2005 sulla misura forfettaria dell'ammontare delle spese e dei dirittida liquidare per i ricorsi;

RITENUTO congruo, su questa base,determinare l'ammontare delle spese e dei diritti inerenti all'odierno ricorsonella misura forfettaria di euro 500, di cui euro 150 per diritti disegreteria, considerati gli adempimenti connessi, in particolare, allapresentazione del ricorso e ritenuto di porli a carico solamente di Cassa dirisparmio di Parma e Piacenza S.p.A. nella misura di euro 300, previacompensazione della residua parte per giusti motivi, in ragione dell'avvenutacancellazione dei dati del ricorrente;

VISTI gli artt. 145 e s. del Codice inmateria di protezione dei dati personali (d.lg. 30 giugno 2003, n. 196);

VISTE le osservazioni dell'Ufficioformulate dal segretario generale ai sensi dell'art. 15 del regolamento delGarante n. 1/2000;

RELATORE il prof. Francesco Pizzetti;

TUTTO CIŮ PREMESSO ILGARANTE

a) dichiara non luogo a provvederesul ricorso;

b) determina nella misuraforfettaria di euro 500, l'ammontare delle spese e dei diritti del procedimentoposti in misura pari a 300 euro, previa compensazione per giusti motivi dellaresidua parte, a carico di Cassa di risparmio di Parma e Piacenza S.p.A., laquale dovrą liquidarli direttamente a favore del ricorrente.

Roma, 2 aprile 2008

Il presidente
Pizzetti

Il relatore
Pizzetti

Il segretario generale
Buttarelli