Garante per la protezione
    dei dati personali


Provvedimento del 13 marzo2008

IL GARANTE PER LAPROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

NELLA riunione odierna, in presenza delprof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. Giuseppe Chiaravalloti,vicepresidente, del dott. Mauro Paissan e del dott. Giuseppe Fortunato,componenti e del dott. Giovanni Buttarelli, segretario generale;

VISTO il ricorso, pervenuto al Garante il16 gennaio 2008, presentato da XY, rappresentato e difeso dall'avv. ArcangeloGabriele Filograno presso il cui studio ha eletto domicilio, nei confronti diAurora Assicurazioni S.p.A., con il quale il ricorrente ha ribadito larichiesta avanzata ai sensi dell'art. 7 del Codice in materia di protezione deidati personali volta a ottenere la comunicazione in forma intelligibile deidati personali che lo riguardano contenuti nella perizia redatta dal medico difiducia della predetta compagnia assicuratrice (informazioni relative a uninfortunio avvenuto nel corso di una partita amatoriale di beach volley);

VISTO che con il medesimo ricorso ilricorrente, nel sottolineare l'inidoneitˆ del riscontro ricevuto, ha chiesto diporre a carico della resistente le spese sostenute per il procedimento;

VISTI gli ulteriori atti d'ufficio e, inparticolare, la nota del 23 gennaio 2008 con la quale questa Autoritˆ, ai sensidell'art. 149 del Codice in materia di protezione dei dati personali (d.lg. 30giugno 2003, n. 196), ha invitato il titolare del trattamento a fornireriscontro alle richieste dell'interessato;

VISTA la nota dell'11 febbraio 2008 conla quale Aurora Assicurazioni S.p.A., per il tramite della direzione affarilegali di Unipol gruppo finanziario S.p.A., ha trasmesso al ricorrente la copiadella perizia medico-legale richiesta;

VISTA la nota inviata via fax il 12 febbraio 2008 con la quale il ricorrente, nelconfermare l'adempimento da parte della societˆ resistente, ha rinnovato larichiesta di porre a carico della medesima le spese sostenute per ilprocedimento;

RITENUTO pertanto di dover dichiarare nonluogo a provvedere sul ricorso, ai sensi dell'art. 149, comma 2, del Codice,avendo il titolare del trattamento fornito un adeguato riscontro alla richiestadell'interessato, sia pure solo dopo la presentazione del ricorso;

VISTA la determinazione generale del 19ottobre 2005 sulla misura forfettaria dell'ammontare delle spese e dei dirittida liquidare per i ricorsi;

RITENUTO congruo, su questa base,determinare l'ammontare delle spese e dei diritti inerenti all'odierno ricorsonella misura forfettaria di euro 500, di cui euro 150 per diritti di segreteria,considerati gli adempimenti connessi, in particolare, alla presentazione delricorso e ritenuto di porli a carico di Aurora Assicurazioni S.p.A. nellamisura di euro 300, previa compensazione della residua parte per giusti motivi,tenuto conto del mancato tempestivo riscontro fornito dalla societˆ resistente;

VISTA la documentazione in atti;

VISTI gli artt. 145 e s. del Codice inmateria di protezione dei dati personali (d.lg. 30 giugno 2003, n. 196);

VISTE le osservazioni dell'Ufficioformulate dal segretario generale ai sensi dell'art. 15 del regolamento delGarante n. 1/2000;

RELATORE il prof. Francesco Pizzetti;

TUTTO CIñ PREMESSO ILGARANTE

a) dichiara non luogo a provvederesul ricorso;

b) determina nella misuraforfettaria di euro 500 l'ammontare delle spese e dei diritti del procedimentoposti in misura pari a 300 euro, previa compensazione per giusti motivi dellaresidua parte, a carico di Aurora Assicurazioni S.p.A., la quale dovrˆliquidarli direttamente a favore del ricorrente.

Roma, 13 marzo 2008

IL PRESIDENTE
Pizzetti

IL RELATORE
Pizzetti

IL SEGRETARIO GENERALE
Buttarelli