Garante per la protezione
    dei dati personali


Provvedimento del 28febbraio 2008

IL GARANTE PER LAPROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

NELLA riunione odierna, in presenza delprof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. Giuseppe Chiaravalloti, deldott. Mauro Paissan e del dott. Giuseppe Fortunato, componenti e del dott.Giovanni Buttarelli, segretario generale;

VISTO il ricorso, pervenuto al Garante il21 novembre 2007, presentato da Anna Foresio, rappresentata e difesa dall'avv.Giovanni Di Ruggiero, nei confronti di Findomestic banca S.p.A. con il quale laricorrente, nel contestare la ricezione al proprio indirizzo di residenza dialcune comunicazioni non sollecitate (volte a promuovere alcuni servizi fornitidalla resistente medesima), ha riproposto le istanze previamente formulate aisensi degli artt. 7 e 8 del Codice in materia di protezione dei dati personali(d.lg. 30 giugno 2003, n. 196) al fine di ottenere la conferma dell'esistenzadi dati personali che la riguardano e la loro comunicazione in formaintelligibile, di conoscere l'origine degli stessi, la logica, le modalitą e lefinalitą su cui si basa il trattamento, nonché i soggetti o le categorie disoggetti cui i dati possono essere comunicati, oltre agli estremiidentificativi del titolare e dei responsabili eventualmente designati;

RILEVATO che l'interessata si Źaltresď opposta al trattamento dei dati che la riguardano a fini commerciali epromozionali;

RILEVATO altresď che con il ricorso laricorrente ha chiesto di porre a carico della resistente le spese delprocedimento;

VISTI gli ulteriori atti d'ufficio e, inparticolare, la nota del 23 novembre 2007 con la quale questa Autoritą, aisensi dell'art. 149, comma 1, del Codice ha invitato il titolare deltrattamento a fornire riscontro alle richieste dell'interessata, nonché la notadel 14 gennaio 2008 con la quale questa Autoritą ha prorogato il termine per ladecisione sul ricorso ai sensi dell'art. 149, comma 7, del Codice;

VISTA la nota datata 6 dicembre 2007 conla quale il titolare del trattamento ha inviato copia di un riscontro inoltratoalla ricorrente il 27 novembre 2007, con il quale, oltre a fornire indicazioniin ordine alle richieste avanzate ai sensi dell'art. 7, comma 2, del Codice, hacomunicato i dati personali della ricorrente contenuti nel contrattosottoscritto dalla stessa nel 2001, nonché informazioni contabili relative allosvolgimento del rapporto a far data dal giugno 2004;

VISTA la nota inviata via fax il 14dicembre 2007 con la quale la ricorrente, nel lamentare l'incompletezza delriscontro in ordine ai dati personali comunicati, ha ribadito anche l'istanzavolta a conoscere la logica e gli estremi identificativi del responsabile deltrattamento eventualmente designato;

VISTA la memoria pervenuta via fax il 25gennaio 2008 con la quale la resistente, nell'allegare copia degli estratti diconto relativi anche agli anni 2001-2004, ha completato il riscontroprecedentemente fornito indicando anche gli estremi identificativi delresponsabile designato;

VISTA la memoria dell'11 febbraio 2008con la quale la ricorrente ha dichiarato, tra l'altro, di aver ricevutonuovamente materiale pubblicitario dalla societą resistente in occasionedell'invio dell'ultimo estratto conto relativo al mese di gennaio;

VISTA la nota pervenuta via fax il 22febbraio 2008 con la quale la resistente ha dichiarato di aver effettivamentesospeso il servizio di inoltro di autonome comunicazioni pubblicitarie, ma diritenere differente "la trasmissione di una comunicazione inconcomitanza con l'estratto conto", comunicazione che puė avere varia natura, "sia pubblicitariache anche semplicemente informativa" e che consiste in "sempliciallegati all'estratto conto, contenuti all'interno dello stesso plico";

CONSIDERATO che, nel procedimento, lasocietą resistente non ha fornito adeguato riscontro all'opposizione altrattamento dei dati della ricorrente a fini commerciali e pubblicitari, nonavendo inibito ogni loro ulteriore trattamento per tali finalitą;

RITENUTO che va pertanto ordinato aFindomestic banca S.p.A. di astenersi dall'ulteriore utilizzo dei dati dellaricorrente per tali fini e di confermare l'avvenuta predisposizione di misureidonee a evitare il futuro invio alla ricorrente di materiale pubblicitario nonsollecitato anche attraverso l'inserimento di allegati agli estratti conto,dandone comunicazione alla ricorrente e a questa Autoritą entro il 15 aprile2008;

RITENUTO di dover dichiarare, ai sensidell'art. 149, comma 2, del Codice, non luogo a provvedere sul ricorso inordine alle restanti richieste, avendo la societą resistente fornito sufficienteriscontro alle stesse nel corso del procedimento;

VISTA la documentazione in atti;

RILEVATO che la ricorrente non ha versatoi diritti di segreteria, avendo attestato di trovarsi nelle condizioni perl'ammissione al patrocinio (artt. 76 ss. d.P.R. 30 maggio 2002, n. 115);

RITENUTO congruo determinare l'ammontaredelle spese inerenti al ricorso nella misura forfettaria di euro 500,considerati gli adempimenti connessi, in particolare, alla presentazione delricorso medesimo;

RITENUTO, altresď, di porre taleammontare a carico di Findomestic banca S.p.A., in misura di euro 150, previacompensazione della residua parte per giusti motivi legati ai riscontricomunque forniti nel corso del procedimento;

VISTI gli artt. 145 e s. del Codice inmateria di protezione dei dati personali (d.lg. 30 giugno 2003, n. 196);

VISTE le osservazioni dell'Ufficioformulate dal segretario generale ai sensi dell'art. 15 del regolamento delGarante n. 1/2000;

RELATORE il dott. Giuseppe Chiaravalloti;

TUTTO CIŮ PREMESSO ILGARANTE

a) accoglie il ricorso limitatamenteall'opposizione al trattamento dei dati personali a fini commerciali epubblicitari e ordina alla resistente di confermare l'avvenuta predisposizionedi misure idonee a evitare il futuro invio alla ricorrente di materialepubblicitario non sollecitato anche attraverso l'inserimento di allegati agliestratti conto, dandone comunicazione alla ricorrente e a questa Autoritą entroil 15 aprile 2008;

b) dichiara non luogo a provvederesul ricorso;

c) determina nella misuraforfettaria di euro 500, l'ammontare delle spese del procedimento posto, nellamisura di 150 euro, previa compensazione della residua parte per giusti motivi,a carico di Findomestic banca S.p.A., la quale dovrą liquidarli direttamente afavore della ricorrente.

Roma, 28 febbraio 2008

IL PRESIDENTE
Pizzetti

IL RELATORE
Chiaravalloti

IL SEGRETARIO GENERALE
Buttarelli