Garante per la protezione
    dei dati personali


Provvedimento del 10gennaio 2008

IL GARANTE PER LAPROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

NELLA riunione odierna, in presenza delprof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. Giuseppe Chiaravalloti,vicepresidente, del dott. Mauro Paissan e del dott. Giuseppe Fortunato,componenti e del dott. Giovanni Buttarelli, segretario generale;

VISTA l'istanza ex artt. 7 e 8 del Codicein materia di protezione dei dati personali (d.lg. 30 giugno 2003, n. 196) conla quale XY ha chiesto a St. Peter Moto s.n.c. di Massimiliano Marucci laconferma dell'esistenza di dati personali che lo riguardano, nonché la lorocomunicazione in forma intelligibile, con indicazione della loro origine, dellemodalitą, della logica e delle finalitą del trattamento, degli estremiidentificativi del responsabile del trattamento eventualmente designato, nonchédei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono esserecomunicati o che possono venirne a conoscenza. Ciė, in relazione a informazioniche lo riguardano che sarebbero riportate su alcuni documenti contabili, datati27 febbraio 2007, nei quali i suoi dati identificativi sarebbero perėerroneamente associati a quelli di un motociclo diverso da quello di suaproprietą (di cui aveva denunciato il furto nel 2002);

VISTO che il ricorrente a seguito delpredetto (e a suo avviso erroneo) trattamento di dati, Ź stato oggetto dirichieste di informazioni da parte della Guardia di finanza in ordine a unasupposta truffa ai danni della societą di assicurazione che assicurava ilmotociclo a suo tempo rubato;

VISTO il ricorso, pervenuto al Garante il2 ottobre 2007, presentato da XY, rappresentato e difeso dall'avv. KathleenStagi presso il cui studio ha eletto domicilio, nei confronti di St. Peter Motos.n.c. di Massimiliano Marucci, con il quale il ricorrente, nel comunicare dinon aver ottenuto riscontro alla previa istanza ex artt. 7 e 8 del Codice, haribadito le proprie richieste, chiedendo anche la cancellazione di tutti i datipersonali la cui conservazione non sia strettamente necessaria in ordine allefinalitą del trattamento; con il medesimo ricorso il ricorrente ha chiesto,altresď, di porre a carico della resistente le spese del procedimento;

VISTI gli ulteriori atti d'ufficio e, inparticolare, la nota del 4 ottobre 2007 con la quale questa Autoritą, ai sensidell'art. 149 del Codice in materia di protezione dei dati personali (d.lg. 30giugno 2003, n. 196), ha invitato il titolare del trattamento a fornireriscontro alle richieste dell'interessato, nonché la successiva nota del 12novembre 2007 con la quale questa Autoritą ha disposto la proroga del termineper la decisione sul ricorso;

VISTE le note datate 16 ottobre, 29novembre e 13 dicembre 2007 con le quali la societą resistente ha fornitoalcune indicazioni sulla vicenda in questione, sostenendo in particolare:

0.     di detenere dati personali delsig. XY in quanto dallo stesso forniti "al momento in cui chiedeval'intervento dell'officina St. Peter, ai fini dell'emissione dellafattura";

0.     che "l'intera vicenda Źfrutto soltanto di un equivoco (…)dovuto al fatto che due omonimi, abitanti entrambi in Via (…) a distanza di pochi metri, tutti e due conmotocicli di marca Piaggio (…) sisono entrambi rivolti presso l'officina St. Peter in periodi diversi per lariparazione dei propri ciclomotori";

0.     di non aver mai comunicato aterzi, "né inviato e/o utilizzato i dati relativi al sig. XY";

VISTE le note datate 28 novembre e 24dicembre 2007 con le quali il ricorrente ha ribadito le proprie richiestesottolineando che la resistente avrebbe trattato, e continuerebbe a trattare, idati personali che lo riguardano senza l'adozione di tutte le misure idonee aevitare il perpetuarsi delle inesattezze evidenziate in sede di ricorso;

RILEVATO che il ricorso deve esseredichiarato inammissibile in ordine alla richiesta del ricorrente volta aottenere la cancellazione dei dati che lo riguardano; ciė, in quanto talerichiesta non era compresa fra le istanze formulate previamente ai sensidell'art. 7 del Codice;

RITENUTO che il ricorso deve essere inveceaccolto in ordine alle richieste, non ancora riscontrate dal titolare deltrattamento, volte a ottenere, nelle forme e nei modi di cui all'art. 10 delCodice, la comunicazione in forma intelligibile di tutti i dati personalidell'interessato detenuti dalla societą resistente (che, se del caso, dovrannoessere aggiornati e corretti sulla base degli estremi identificativi esattidallo stesso comunicati nel corso dell'odierna procedura), nonché l'indicazionedell'origine dei predetti dati e degli estremi identificativi del responsabiledel trattamento, ove designato;

RITENUTO, pertanto, di dover ordinare aSt. Peter Moto s.n.c. di Massimiliano Marucci di fornire idoneo riscontroall'interessato in ordine a tali richieste entro il 20 febbraio 2008, dandocomunicazione dell'avvenuto adempimento a questa Autoritą entro la stessa data;

RITENUTO, invece, di dover dichiarare nonluogo a provvedere sul ricorso ai sensi dell'art. 149, comma 2, del Codice, inordine alle restanti richieste, avendo la resistente fornito, seppure solo dopola presentazione del ricorso, un sufficiente riscontro in proposito;

RISERVATA ogni verifica, con distintoprocedimento e sulla base di un autonomo provvedimento, sul complessivotrattamento dei dati sonali del ricorrente posto in essere dalla resistente;ciė, con particolare riguardo alla verifica della esattezza e pertinenza delleinformazioni raccolte e detenute tuttora dalla societą titolare deltrattamento;

VISTA la documentazione in atti;

VISTA la determinazione generale del 19ottobre 2005 sulla misura forfettaria dell'ammontare delle spese e dei dirittida liquidare per i ricorsi;

RITENUTO congruo, su questa base,determinare l'ammontare delle spese e dei diritti inerenti all'odierno ricorsonella misura forfettaria di euro 500, di cui euro 150 per diritti disegreteria, considerati gli adempimenti connessi, in particolare, allapresentazione del ricorso e ritenuto di porli a carico di St. Peter Moto s.n.c.Massimiliano Marucci, nella misura di euro 300 previa compensazione della residuaparte per giusti motivi;

VISTI gli artt. 145 e s. del Codice inmateria di protezione dei dati personali (d.lg. 30 giugno 2003, n. 196);

VISTE le osservazioni dell'Ufficioformulate dal segretario generale ai sensi dell'art. 15 del regolamento del Garanten. 1/2000;

RELATORE il dott. Mauro Paissan;

TUTTO CIŮ PREMESSO ILGARANTE

a) accoglie il ricorso in ordinealla richiesta del ricorrente volta a ottenere la comunicazione in formaintelligibile dei dati personali che lo riguardano, nonché l'indicazionedell'origine dei predetti dati e degli estremi identificativi del responsabiledel trattamento, ove eventualmente designato e ordina a St. Peter Moto s.n.c.di Massimiliano Marucci di fornire idoneo riscontro al ricorrente, in ordine atali richieste, entro il 20 febbraio 2008, dando conferma dell'avvenutoadempimento a questa Autoritą entro la stessa data;

b) dichiara inammissibile larichiesta di ottenere la cancellazione dei dati;

c) dichiara non luogo a provvederein ordine alle restanti richieste;

d) determina nella misuraforfettaria di euro 500 l'ammontare delle  spese e dei diritti delprocedimento posti, nella misura di 300 euro, previa compensazione dellaresidua parte per giusti motivi, a carico della resistente, la quale dovrą liquidarlidirettamente a favore del ricorrente.

Roma, 10 gennaio 2008

IL PRESIDENTE
Pizzetti

IL RELATORE
Paissan

IL SEGRETARIO GENERALE
Buttarelli