Home>Normativa>Sentenze UE>CGUE C‑207/16 – Accesso ai dati detenuti da provider telco anche per reati non gravi

CGUE C‑207/16 – Accesso ai dati detenuti da provider telco anche per reati non gravi

La sentenza C-207/16 emessa il 2 ottobre 2018 dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea (CEGU) ha stabilito che i reati che non sono particolarmente gravi possono giustificare un accesso ai dati personali conservati dai fornitori di servizi di comunicazione elettronica quando tale accesso non comporta una limitazione grave della vita privata.

Leggi qui il Comunicato Stampa della CEGU.

Consulta qui il testo integrale della sentenza

 

 

2018-10-10T11:45:20+00:00 2 ottobre 2018|Sentenze UE|