Home>Normativa>Sentenze>Cass. Penale 36109/2018 – Vietato filmare il coniuge di nascosto

Cass. Penale 36109/2018 – Vietato filmare il coniuge di nascosto

La Corte di Cassazione, sez. V Penale, con la sentenza 14 maggio – 27 luglio 2018, n. 36109 ha stabilito che qualora un coniuge, all’insaputa del proprio consorte, ricorra ad uno strumento di ripresa audio/video per accertarsi di non essere tradito, si configura il reato di interferenza illecita nella vita privata ex art. 615-bis del Codice Penale.

La qualità di coniuge e la circostanza che la condotta interferente sia avvenuta in ambiente domestico non bastano ad escludere la responsabilità punibile con la reclusione da sei mesi a quattro anni.

Nel tentativo di scoprire un tradimento sotto il tetto coniugale, il marito aveva – prima di uscire di casa – attivato una videocamera nascosta finendo per filmare “la propria moglie in bagno o in camera da letto, nuda o seminuda, intenta alla cura della propria persona o all’igiene del corpo, senza che risulti in alcun modo che la donna volesse condividere con l’imputato i descritti momenti di intimità”.

Clicca qui per accedere alla sentenza pubblicata da sentenze-cassazione.com

2018-12-03T21:50:11+00:00 20 agosto 2018|Sentenze|