Home>News>GDPR, Hot topics>L’Avvocatura chiede al Garante di sospendere le sanzioni del GDPR

L’Avvocatura chiede al Garante di sospendere le sanzioni del GDPR

Si sospendano le sanzioni relative al nuovo GDPR (Regolamento UE 2016/679) fino a quando i professionisti non verranno posti nelle condizioni di adeguarsi alla normativa ”. L’esortazione è contenuta in una lettera inoltrata al Garante dal Coordinatore dell’Organismo Congressuale Forense.

Il GDPR, così come predisposto, è di difficile applicazione: da un lato non è chiaro nella sua formulazione; dall’altro non è ancora stato pubblicato il decreto di attuazione cosa che, di fatto, rende quasi impossibile per i professionisti agire a norma. Inoltre, la legittima ansia di essere passibili di rigide sanzioni sta prestando il fianco ad azioni speculative di molti operatori che offrono consulenze in materia a fronte di corrispettivi da migliaia di euro, contribuendo a mettere in ginocchio una categoria che più di altre sta soffrendo della crisi ”.

Il Coordinamento dell’Organismo di vertice di rappresentanza politica dell’Avvocatura italiana chiede quindi al Garante: “di intervenire in tempi rapidi affinché sia concessa una proroga per l’adeguamento da parte dei professionisti italiani alla normativa europea; di fornire modelli volti a semplificare gli adempimenti esecutivi necessari per l’adeguamento alla normativa da parte dei professionisti e, infine, di chiarire lo scopo e la natura delle sanzioni e di specificare tempi e modi di applicazione ”.

Leggi qui la lettera

2018-05-30T22:27:09+00:00 30 maggio 2018|GDPR, Hot topics|