Home>News>Big Data, Hot topics, Security & Cybercrime, Smart Device, Sorveglianza Governativa>La Cina sorveglia 700 milioni di smartphone indigeni?

La Cina sorveglia 700 milioni di smartphone indigeni?

Tester di sicurezza scoprono una backdoor in grado di comunicare i dati contenuti nel telefono ad un server cinese.

Il codice è preinstallato su alcune marche di telefoni cinesi venduti per lo più in Cina (ma 120.000 sono stati venduti negli USA) ed è formalmente utilizzato per permettere ai produttori (spesso a partecipazione governativa) di valutare l’utilizzo che viene fatto del device.

Un produttore rimuove il codice di sua sponte. Google intima ai produttori di dispositivi che montano Google Play (pochi, stante che Big G è bandita in Cina) di rimuoverlo.

Per maggiori informazioni leggi qui l’articolo del NY Times

E qui l’annuncio il report del security contractor che ha individuato il problema