MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLEALIMENTARI E FORESTALI

 

DECRETO 12 Novembre 2007 ,n. 241

Regolamento per il trattamento deidati sensibili e giudiziari del

Ministero delle politiche agricolealimentari e forestali.

(Pubblicato sulla GU n. 297 del 22-12-2007)

 

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLEALIMENTARI E FORESTALI

 

Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196, contenente norme in materia di protezione dei dati personali "Codicein materia di protezione dei dati personali" e, in particolare gliarticoli 20, comma 2 e 21, comma 2, che prevede l'obbligo di individuare conatto di natura regolamentare il trattamento dei dati sensibili egiudiziari, necessario per il perseguimento delle finalita' di rilevanteinteresse pubblico previste dalla legge;

Viste le restanti definizioni del Codice inmateria di protezione dei dati personali;

Vista la legge 7 agosto 1986, n. 462,recante conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 giugno1986, n. 282, relativo a misure urgenti in materia di prevenzione erepressione delle sofisticazioni alimentari, che ha istituito presso ilMinistero delle politiche agricole alimentari e forestali, l'Ispettoratocentrale repressione frodi;

Vista la legge del 6 febbraio 2004, n. 36, recante "Nuovo ordinamento del Corpo forestale dello Stato";

Visto il decreto del Presidente dellaRepubblica 23 marzo 2005, n. 79, recante "Regolamento recanteriorganizzazione del Ministero delle politiche agricole e forestali";

Visto il decreto-legge 9 settembre 2005, n. 182,convertito, con modificazione, dalla legge 11 novembre 2005, n. 231, ed in particolare l'articolo 2 comma 2;

Visto l'articolo 17, commi 3 e 4, della legge 23agosto 1988, n. 400;

Considerate le attribuzioni del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, e le sue finalita' pubbliche individuate dalla normativa comunitaria e nazionale che comportano iltrattamento di dati sensibili e giudiziari;

Considerato che possono avere effettimaggiormente significativi per l'interessato le operazioni svolte, mediantesiti web, o volte a definire in forma completamente automatizzata profili opersonalita' di interessati, ovvero le interconnessioni e i raffronti conaltre informazioni sensibili e giudiziarie detenute dal medesimo titolare del trattamento, la comunicazione dei dati a terzi nonche' la diffusione;

Ritenuto di individuare analiticamente nelleschede allegate, con riferimento alle predette operazioni, quelle effettuatedal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali che possonoavere effetti maggiormente significativi per l'interessato, quali lacomunicazione a terzi;

Ritenuto, altresi', di indicare sinteticamente anche le operazioni ordinarie che il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali deve necessariamente svolgere perperseguire le finalita' di rilevante interesse pubblico individuate perlegge (operazioni di raccolta, registrazione, organizzazione,conservazione, consultazione, elaborazione, modificazione, selezione,estrazione, utilizzo, blocco, cancellazione e distruzione);

Considerato che, per quanto concerne tutti itrattamenti di cui sopra e' stato verificato il rispetto dei principi e dellegaranzie previste dall'articolo 22 del Codice, con particolare riferimentoalla pertinenza, non eccedenza e indispensabilita' dei dati sensibili e giudiziari utilizzati rispetto alle finalita' perseguite,all'indispensabilita' delle predette operazioni per il perseguimento delle finalita' di rilevante interesse pubblico individuate per legge, nonche' all'esistenza di fonti normative idonee a rendere lecite le medesime operazioni o, ove richiesta, all'indicazione scritta dei motivi;

Visto il provvedimento generale del Garantedella protezione dei dati personali del 30 giugno 2005, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 170 del 23 luglio 2005;

Vista l'autorizzazione n. 7/2005 al trattamento dei dati giudiziari da parte di privati, di enti pubblicieconomici e di soggetti pubblici, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 2 del 3 gennaio 2006;

Aquisiti in data 19 ottobre 2006 ed in data 8febbraio 2007 i pareri del Garante per la protezione dei dati personali aisensi dell'articolo 154, comma 1, lettera g) del decreto legislativo n.196/2003;

Udito il parere del Consiglio di Statoespresso dalla sezione consultiva per gli atti normativi nell'adunanza del 20aprile 2007, n. 5075/2006;

Effettuata la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri con nota n. 8841 del 14 settembre del 2007;

A d o t t a

il seguente regolamento:

 

Art. 1.

Oggetto del regolamento

 

1. Il presente regolamento, in attuazione degliarticoli 20 e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante il"Codice in materia di protezione dei dati personali", identifica i tipidi dati sensibili e giudiziari e le operazioni eseguibili da parte delMinistero delle politiche agricole alimentari e forestali nellosvolgimento delle proprie funzioni istituzionali.

 

Art. 2.

Individuazione dei tipi di dati e di operazionieseguibili

 

1. Gli allegati, contraddistinti dai numeri da 1a 7, che formano parte integrante del presente regolamento, identificano itipi di dati sensibili e giudiziari per i quali e' consentito il relativotrattamento, nonche' le operazioni eseguibili, in riferimento allespecifiche finalita' di rilevante interesse pubblico perseguite.

2. I dati sensibili e giudiziari cosi'individuati sono trattati previa verifica della loro pertinenza, completezza e indispensabilita' rispetto alle finalita' perseguite neisingoli casi, specie quando la raccolta non avvenga presso l'interessato.

3. Le operazioni di raffronto, interconnessionee comunicazione individuate nel presente regolamento sono ammesse soltanto se indispensabili allo svolgimento degli obblighi o compiti di volta in volta indicati, per il perseguimento delle specifiche finalita' di rilevante interesse pubblico e nel rispetto delle disposizioni in materia diprotezione dei dati personali, nonche' degli altri limiti stabiliti dalla leggee dai regolamenti.

4. Non sono utilizzabili i dati trattati inviolazione della disciplina rilevante in materia di protezione dei datipersonali.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti diosservarlo e farlo osservare.

Roma, 12 novembre 2007

Il Ministro: De Castro

Visto, il Guardasigilli: Mastella

 

 

Allegato

 

----> Vedere immagini da pag. 7 a pag. 18 <----