DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

26 ottobre 2006

Approvazione del Regolamento dell'ISTAT per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari non compresi nel Programma statistico nazionale.

(Pubblicato sulla G.U. n. 36 del 13-2-2007)

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

di concerto con

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante "Codice in materia di protezione dei dati personali";

Visti gli articoli 20 e 21 del citato decreto legislativo, relativi ai principi applicabili al trattamento di dati sensibili e al trattamento di dati giudiziari;

Visto l'art. 10 della legge 23 febbraio 2006, n. 51, di conversione, con modifiche, del decreto-legge 30 dicembre 2005, n. 273, recante definizione e proroga dei termini nonchè conseguenti disposizioni urgenti, e la successiva proroga concessa con decreto-legge 12 maggio 2006, n. 173;

Visto il decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322, recante "Norme sul sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'Istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della legge 23 agosto 1988, n. 400" ed, in particolare l'art. 22, comma 2, lettera c), e 4, concernenti le deliberazioni del consiglio dell'ISTAT in materia di regolamenti di organizzazione;

Vista la deliberazione del consiglio dell'ISTAT del 7 dicembre 2005, n. CCIII, con la quale è stato approvato lo schema di regolamento relativo al trattamento dei dati sensibili e giudiziari non compresi nel Programma statistico nazionale, trasmessa con nota del Presidente dell'ISTAT del 22 dicembre 2005, n. SPP/1356.2005;

Acquisito, ai sensi dell'art. 154, comma 1, lettera g), del citato decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, il parere del Garante per la protezione dei dati personali, espresso in data 15 dicembre 2005;

Ritenuto di dover individuare le modalità più idonee per l'approvazione della suddetta deliberazione anche al fine di assicurare un omogeneo e conforme procedimento a tutti gli enti vigilati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri;

Considerato quanto espresso dal Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con nota del 15 febbraio 2006, n. DAGL/2.6.2.1/1, trasmessa dall'Ufficio legislativo del Dipartimento della funzione pubblica con nota del 22 febbraio 2006, n. 596/06/UL/P-7.1220, secondo il quale, per gli enti cui la normativa vigente riconosce autonomia statutaria, la procedura di adozione del regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari dovrebbe essere quella adottata per i regolamenti di organizzazione e di funzionamento;

Ritenuto, quindi, di procedere con la procedura indicata dal citato art. 22, commi 2 e 4, del decreto legislativo 6 dicembre 1989, n. 322, ai fini della quale, con nota del Presidente dell'Istat del 5 aprile 2006, n. SP/320.2006, è stato trasmesso il regolamento da allegare al presente decreto, su richiesta del Dipartimento della funzione pubblica del 15 marzo 2006, n. DFP/11940/06;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 15 giugno 2006 con il quale è stata conferita la delega di funzioni al Ministro per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione, Luigi Nicolais, ed, in particolare, l'art. 1, comma 2, lettera f), relativo all'attuazione del citato decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322;

Decreta:

È approvata la deliberazione del consiglio dell'Istituto nazionale di statistica del 7 dicembre 2005, n. CCIII, concernente l'adozione del regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari non compresi nel Programma statistico nazionale, il cui testo, allegato al presente decreto, fa parte integrante del decreto stesso.

Il presente decreto, con l'annesso regolamento, sarà trasmesso ai competenti organi di controllo per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 26 ottobre 2006

p. Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Ministro per le riforme e le innovazioni
nella pubblica amministrazione
Nicolais

Il Ministro dell'economia e delle finanze
Padoa Schioppa

 

----> Vedere Allegato da pag. 7 a pag. 15 della G.U. <----