Garante per la protezione
    dei dati personali


Ordinanza di ingiunzione nei confrontidi Stadek snc

PROVVEDIMENTO DEL 24 OTTOBRE 2013

Registro dei provvedimenti
n. 473 del 24 ottobre 2013

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATIPERSONALI

NELLAriunione odierna, alla presenza del dott. Antonello Soro, presidente, delladott.ssa Augusta Iannini, vicepresidente, della dott.ssa Giovanna BianchiClerici, componente, e del dott. Giuseppe Busia, segretario generale;

RILEVATOche, a seguito di una nota pervenuta in data 25 novembre 2009 da parte delCorpo Intercomunale Polizia locale, Distretto biellese centrale, con cui venivasegnalata la presenza di un impianto di videosorveglianza presso il localecommerciale Stadek snc di Decorato Nunzia e Stamura Nunzio (di seguito"Stadek"), sito in Benna (BI), via Roma n. 8, a fronte del qualeveniva rilevata la presenza di cartelli, recanti l'informativa di cui all'art.13 del Codice in materia di protezione dei dati personali (d. lgs. 30 giugno2003, n. 196, di seguito "Codice")  non conformi a quelli indicatidal Garante con il provvedimento generale sulla videosorveglianza del 29 aprile2004, in vigore all'epoca dei fatti, il Dipartimento realtà economiche eproduttive formulava una richiesta di informazioni alla predetta società (notadel 25 gennaio 2010, prot. n. 1752/66605) diretta a ottenere ogni informazioneutile alla valutazione del caso;

VISTAla successiva richiesta di informazioni inviata in data 27 aprile 2010 (prot.n. 9832/66605) con cui l'Ufficio, preso atto del mancato riscontro alla precedentenota, ha rinnovato l'invito alla società a fornire i chiarimenti già richiesti;

CONSIDERATOche alla suddetta richiesta di informazioni non perveniva alcun riscontro daparte di Stadek, veniva formulata una nuova richiesta di informazioni ai sensidell'art. 157 del Codice, datata 6 settembre 2010 (prot. n. 19880/66605), concui si invitava nuovamente la società a fornire i chiarimenti richiesti, conindicazione del termine per adempiere e delle conseguenze previste dall'art.164 del Codice in caso di inottemperanza alla richiesta formulata;

CONSIDERATOche la citata richiesta di informazioni risulta regolarmente notificata,mediante raccomandata il cui avviso di ricevimento è agli atti del fascicolo;

VISTOil verbale n. 1816/66605 del 28 gennaio 2011, notificato in data 2 marzo 2011,con cui è stata contestata a Stadek snc di Decorato Nunzia e Stamura Nunzio,P.I. 02266220025, la violazione prevista dall'art. 164 del Codice, in relazioneall'art. 157, per non aver fornito nessun chiarimento in ordine alla vicendasegnalata, informandola altresì della facoltà di effettuare il pagamento inmisura ridotta ai sensi dell'art. 16 della legge 24 novembre 1981 n. 689;

RILEVATOche dal rapporto predisposto dall'Ufficio del Garante ai sensi dell'art. 17della legge 24 novembre 1981 n. 689 non risulta essere stato effettuato talepagamento;

CONSIDERATOche la parte non si è avvalsa delle facoltà previste dall'art. 18 della legge24 novembre 1981 n. 689, non inviando all'Autorità scritti difensivi néchiedendo di essere ascoltata;

VISTOl'art. 164 del Codice, che punisce chiunque omette di fornire le informazioni odi esibire i documenti richiesti dal Garante ai sensi dell'art. 157, con lasanzione amministrativa del pagamento di una somma da diecimila euro asessantamila euro;

RITENUTOche, nel caso di specie, ricorrano le condizioni per applicare l'art. 164-bis,comma 1, del Codice il quale prevede che se taluna delle violazioni di cui agliart. 161, 162, 163 e 164 è di minore gravità, i limiti minimi e massimistabiliti negli stessi articoli sono applicati in misura pari a due quinti;

CONSIDERATOche, ai fini della determinazione dell'ammontare della sanzione pecuniaria,occorre tenere conto, ai sensi dell'art. 11 della legge 24 novembre 1981 n.689, dell'opera svolta dall'agente per eliminare o attenuare le conseguenzedella violazione, della gravità della violazione, della personalità e dellecondizioni economiche del contravventore;

RITENUTOdi dover determinare, ai sensi dell'art. 11 della legge 24 novembre 1981 n.689, l'ammontare della sanzione pecuniaria per la violazione dell'art. 164 delCodice in combinato disposto con l'art. 164-bis, comma 1, nella misura di euro4.000,00 (quattromila);

VISTAla legge 24 novembre 1981 n. 689, e successive modificazioni ed integrazioni;

VISTAla documentazione in atti;

VISTEle osservazioni dell'Ufficio, formulate dal segretario generale ai sensidell'art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000, adottato con deliberazionedel 28 giugno 2000;

RELATOREla dott.ssa Giovanna Bianchi Clerici;

ORDINA

a Stadeksnc di Decorato Nunzia e Stamura Nunzio, P.I. 02266220025, con sede in Benna(BI), Via Roma n. 8, in persona del legale rappresentante pro-tempore, dipagare la somma di euro 4.000,00 (quattromila) a titolo di sanzioneamministrativa pecuniaria per la violazione prevista dall'art. 164 del Codice indicatain motivazione;

INGIUNGE

allamedesima società di pagare la somma di euro 4.000,00 (quattromila) secondo lemodalità indicate in allegato, entro 30 giorni dalla notificazione del presenteprovvedimento, pena l'adozione dei conseguenti atti esecutivi a norma dall'art.27 della legge 24 novembre 1981, n. 689, prescrivendo che, entro il termine digiorni 10 (dieci) dal versamento, sia inviata a questa Autorità, in originale oin copia autentica, quietanza dell'avvenuto versamento.

Avversoil presente provvedimento, ai sensi dell'art. 152 del Codice, può essereproposta opposizione davanti al tribunale ordinario del luogo ove ha sede iltitolare del trattamento entro il termine di trenta giorni dalla notificazionedel presente provvedimento.

Roma, 24 ottobre 2013

Il presidente
Soro

Il relatore
Bianchi Clerici

Il segretario generale
Busia