Garante per la protezione
    dei dati personali


Comunicato Stampa

VIOLENZA SESSUALE ADIMPERIA, IL GARANTE APRE UN'ISTRUTTORIA. NO AI NOMI DEI VIOLENTATORI SE RENDONOIDENTIFICABILE LA VITTIMA

"Nonsi possono pubblicare dettagli che rendono identificabili le vittime diviolenza sessuale".

Il Garante Privacy ha aperto un'istruttoria in seguito allapubblicazione di notizie di agenzie e di stampa, anche on line, che, nelriferire di un caso di violenza sessuale subita in famiglia in provincia diImperia, hanno riportato il nome e cognome del padre, il nome del nonno e l'etàdella vittima.

Il Garante ricorda che, anche quando questi dettagli fossero statiforniti da fonti ufficiali, i mezzi di informazione sono tenuti a nondiffondere elementi che, anche indirettamente, portino all'individuazione divittime di violenza sessuale.

Va inoltre ricordato che la pubblicazione di tali dettagli, ancoraprima che al Codice deontologico dei giornalisti e al Codice della privacy, ècontraria alle norme del codice penale che assicura alle vittime di atti diviolenza sessuale una protezione rafforzata prevedendo il divieto di diffonderesenza consenso le loro generalità, attraverso mezzi di comunicazione di massa.

Roma, 4 agosto 2011