Garante per la protezione
    dei dati personali


Comunicato Stampa

IL GARANTE ITALIANO ADERISCE AL GPEN, UN NETWORK INTERNAZIONALE PER RAFFORZARE LA COOPERAZIONE IN MATERIA DI PRIVACY

Il Garante privacy italiano ha aderito ad un progetto volto a realizzare il Global Privacy Enforcement Network (GPEN), una rete internazionale per rafforzare la cooperazione tra le Autoritł di diversi Paesi. L'iniziativa prende spunto, in particolare, dalle raccomandazioni dell'Ocse del 2007, che invitavano le Autoritł a promuovere la cooperazione nell'applicazione della normativa sulla privacy.

Prima tappa del progetto, al quale hanno aderito finora le Autoritł di protezione dati di Canada, Francia, Spagna, Germania, Gran Bretagna, Australia, Nuova Zelanda, Israele, Irlanda, Olanda e la Federal Trade Commission statunitense, il lancio di un sito internet www.privacyenforcement.net, consultabile dal pubblico a partire da oggi 21 settembre.

Le Autoritł partecipanti hanno sottolineato nel Piano di azione, documento con il quale Ć stato varato il GPEN, l'importanza di "rafforzare la comprensione dei diversi regimi di applicazione della privacy nonchÄ la capacitł di cooperazione transfrontaliera".

L'esigenza di promuovere una piŁ stretta ed efficace collaborazione per favorire l'applicazione delle norme in materia di privacy in un contesto sempre piŁ globalizzato Ć stata riconosciuta non solo dalle Autoritł di garanzia, ma anche da organizzazioni internazionali tra le quali, oltre l'OCSE, l'Asia Pacific Cooperation Forum (Apec).

Il progetto Ć aperto all'adesione delle altre Autoritł o Agenzie di protezione dati interessate.

Roma, 21 settembre 2010