Garante per la protezione
    dei dati personali


Comunicato Stampa

VIOLENZA SESSUALE A SALERNO. IL GARANTE AI MEDIA: NO AI NOMI DEI VIOLENTATORI SE RENDONO IDENTIFICABILE LA VITTIMA

"Non si possono pubblicare dettagli che rendono identificabili le vittime di violenza sessuale. Tanto piŁ quando si tratta di minori".

E' il forte richiamo del Garante privacy ai media a seguito della pubblicazione di notizie di agenzie che, nel riferire di un caso di violenza sessuale subita in famiglia da una minore, hanno pubblicato nome, cognome, professione, etł del padre, del fratello e di un vicino di casa arrestati questa mattina.

Il Garante ricorda che, anche quando questi dettagli fossero stati forniti da fonti ufficiali, i mezzi di informazione sono tenuti a non diffondere elementi che, anche indirettamente, portino all'individuazione di vittime di violenza sessuale.

La pubblicazione di tali dettagli contrasta con i principi fissati dal Codice deontologico dei giornalisti e risulta ancora piŁ grave se si tiene conto che la vittima Ć una persona minore, alla quale la normativa italiana e le Convenzioni internazionali (Codice privacy, Codice penale, nuovo processo minorile, Carta di Treviso, Convenzione dei diritti del fanciullo) riconoscono una tutela rafforzata.

Roma, 27 gennaio 2010