Garante per la protezione
    dei dati personali


Comunicato Stampa

Pizzetti:migliorare e rendere piŁ effettiva la protezione dei dati dei cittadini europei

"Occorre migliorare e rendere piŁeffettiva la protezione dei dati personali dei cittadini europei.." Ú quantochiede Francesco Pizzetti, Presidente dell'Autoritł italiana per la privacy,intervenendo oggi alla annuale Conferenza di primavera delle Autoritł europeeper la protezione dei dati in corso a Edimburgo.

"Lo scenario nel quale opera laDirettiva europea sulla protezione dei dati – ha spiegato Pizzetti aisuoi omologhi europei  – Ć in questi anni profondamente cambiato equesto ha posto, pone e porrł problemi complessi di ridefinizione delsignificato della protezione dei dati, del tipo di regole di cui abbiamoeffettivamente bisogno, del ruolo che devono svolgere le Autoritł per laprivacy".

L'Autoritł italiana si muove gił da tempoverso questi obiettivi. "In questi ultimi quattro anni – haricordato Pizzetti  - abbiamo sviluppato un ampia attivitł di carattereispettivo sulle grandi banche dati pubbliche e private; abbiamo datoprescrizioni per la loro messa in sicurezza; abbiamo promosso un'importanteattivitł di semplificazione, specialmente nel settore economico, cercando didifferenziare le prescrizioni in ragione della dimensione delle imprese.Abbiamo promosso anche codici deontologici coinvolgendo le categorieinteressate, predisposto linee guida in settori importanti come il trattamentoelettronico dei dati dei lavoratori; abbiamo chiesto ed ottenuto un aumento delpotere sanzionatorio che ci consentirł di innalzare in concreto il livello diprotezione e di tutela dei cittadini.

Ma per aumentare la soglia di protezionedei dati sono necessarie profonde innovazioni che non possono essere limitate,ad avviso di Pizzetti, al modo di operare delle Autoritł o alla revisione dellastessa Direttiva europea in materia di privacy. Il Presidente dell'Autoritłitaliana indica alcune prioritł:  regole vincolanti e garanzie certe incaso di utilizzo per finalitł di sicurezza di dati raccolti per scopi propridai soggetti privati; regole comuni a livello europeo per i dati trattati daprivati nel rapporto di lavoro; rapporti piŁ chiari nello scambio di dati afini commerciali anche in aeree extraeuropee.  Infine, Internet: Pizzettiauspica la definizione di regole internazionali, condivise e vincolanti, per iltrattamento elettronico dei dati e la creazione di un'Autoritł sovranazionalein grado di garantirne il rispetto e l'efficacia.

Edimburgo, 23 aprile 2009