Garante per la protezione
    dei dati personali


Comunicato Stampa

INFORMAZIONE TV E DISAGIOSOCIALE: OCCORRE TUTELARE LA DIGNIT╦ DELLE PERSONE

"Ú giusto e necessariodocumentare situazioni di disagio sociale e povertł, ma questo non deve fardimenticare ai media che la dignitł della persona deve essere sempre e comunquetutelata".

L'Autoritł Garante per la privacy, anchea seguito di alcune segnalazioni giunte, invita televisioni e giornali adadottare tutte le cautele possibili affinchÄ, nei servizi giornalisticidedicati al tema del disagio sociale e della povertł, non vengano resericonoscibili le persone oggetto dei servizi, a meno che non via sia un loroesplicito consenso. Queste persone vengono spesso ritratte mentre frugano neicassonetti o in situazioni che rivelano comunque, anche nello svolgimento dinormali attivitł quotidiane, uno stato di indigenza e sofferenza sociale.

PoichÄ  dietro queste realtł ci sonoproblemi economici, sociali, affettivi, e spesso psichici, il Garante ritienedoveroso chiedere a tutti gli organi di informazione una maggiore attenzione: evitando,ad esempio, di insistere, specie nei servizi televisivi, sul volto dellepersone e cercando per quanto possibile di  non renderle facilmente identificabili, a meno che non vi sia un consapevole consenso da parte degliinteressati.

Il sacrosanto dovere di informare, e ildiritto dell'opinione pubblica a conoscere ed essere informata su fenomeni diforte impatto sociale, va comunque contemperato con il diritto di ogniindividuo a non vedersi esposto in momenti di difficoltł con immagini che possonoledere la sua dignitł.

Roma,  4 marzo 2008