Garante per la protezione
    dei dati personali


Comunicato Stampa

PRIVACY E SANITÀ ELETTRONICA: CONIUGARE SVILUPPO TECNOLOGICO E PRIVACY DEL CITTADINO
Il Vice Presidente del Garante al Forum P.a.

"Lo sviluppo delle nuove tecnologie dell'informazione e delle comunicazione in campo sanitario esprime l'esigenza inderogabile di conciliare il valore dell'efficienza con l'altrettanto fondamentale valore della tutela della riservatezza dei cittadini. Il sistema di sanità elettronica, ancor più di altri, deve essere in grado di ingenerare la fiducia dei cittadini".

Lo ha affermato Giuseppe Chiaravalloti, Vice Presidente dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali, intervenendo oggi al convegno dedicato alle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) e a come coniugare la tutela della privacy con la diffusione della sanità elettronica.

Lo sviluppo della tecnologia offre opportunità tali da non consentire rifiuti ingiustificati e questo vale innanzitutto per la sanità elettronica, che è in grado non solo di avvicinare i cittadini al servizio sanitario, ma consente anche di innalzare la qualità dei servizi stessi e la progressiva affermazione di nuovi e più utili modelli assistenziali.

Governare il progresso, dunque, in un settore tanto delicato come quello della sanità dove si usano i dati più intimi delle persone, significa, ad avviso del Vice presidente dell'Autorità,  raggiungere livelli di efficienza sempre più alti, attraverso modelli organizzativi di elevato contenuto tecnologico, in grado di garantire sicurezza e tutela della privacy. In queste senso Chiaravalloti ha citato la tessera sanitaria, in corso di rilascio ai cittadini italiani, come uno dei tanti esempi di proficua collaborazione tra Garante e Ministero della salute, collaborazione che ha consentito di effettuare il monitoraggio della spesa pubblica senza ledere il diritto alla riservatezza dei cittadini mediante l'uso di dati anonimi.

Chiaravalloti ha indicato alcuni dei principi guida da rispettare per coniugare sviluppo tecnologico, efficienza e tutela della privacy in sanità.

Va garantita l'autodeterminazione dell'individuo con la possibilità di prenotare una visita medica o un esame specialistico anche attraverso sistemi tradizionalmente usati.

Occorre informare adeguatamente l'interessato, anche in forma semplificata, sull'uso che verrà fatto dei suoi dati personali e dei trattamenti effettuati, in modo tale da consentirgli di esprimere un consenso informato e consapevole.

Fondamentale è poi l'adozione di misure di sicurezza a protezione dei dati, affinché si riducano i rischi di distruzione, perdita o accesso non autorizzato ai sistemi informatici e quindi ai dati così delicati. Dovranno essere attivati, senza appesantire l'operatività dei sistemi, specifici profili di autenticazione per l'accesso ai dati e per la loro gestione.

Una particolare attenzione dovrà essere infine rivolta alle interconnessioni e allo scambio di dati, privilegiando laddove consentito, la trasmissione di informazioni anonime, così come dovranno esser previste tecniche di cifratura e codici identificativi per l'uso dei dati da parte di organismi ed operatori sanitari.

Roma, 11 maggio 2006