Garante per la protezione
    dei dati personali


Comunicato Stampa

BANCHE: IMPRONTE DIGITALI, TELECAMERE E DIRITTI DEI CLIENTI

Nasce il "vigilatore" dei dati. Dichiarazione del componente del Garante Giuseppe Fortunato

"Da oggi all'ingresso delle banche i clienti saranno più tutelati: nasce  la figura del "vigilatore dei dati", un soggetto indipendente dalla banca a cui viene affidato un compito importante a difesa dei cittadini".

Lo sottolinea Giuseppe Fortunato, componente del Garante e relatore del provvedimento sulle impronte digitali nelle banche.

"A questa nuova figura - prosegue il componente del Garante - spetta il delicato ruolo di custodire le chiavi crittografiche e di garantire la riservatezza dei clienti. Gli istituti di credito potranno, infatti, usare sistemi che utilizzano impronte digitali, collegate all'uso di telecamere, solo in casi eccezionali ed in situazione di particolare rischio e solo se le immagini e le impronte saranno crittate Inoltre i dati, salvo richieste dell'interessato o motivi di giustizia, dovranno automaticamente essere cancellate entro una settimana".

"E' bene precisare che quando si  utilizzano tali sistemi -  conclude Fortunato - i clienti vanno non solo informati, ma soprattutto lasciati liberi di accedere alla banca attraverso modalità alternative".

Roma, 17 novembre 2005