Garante per la protezione
    dei dati personali


Comunicato Stampa

26a Conferenza internazionale dei Garanti per la privacy
(Wroclaw (PL) 14-16 settembre 2004)

L'INTERVENTO DI GAETANO RASI SUGLI ASPETTI ECONOMICI DELLA PRIVACY

"Il diritto alla tutela dei dati personali è destinato a svolgere una funzione fondamentale per disegnare i futuri assetti del rapporto tra imprese e consumatori. La tutela dei dati personali può diventare una leva di sviluppo economico e non un fattore frenante della crescita."

Lo ha affermato Gaetano Rasi, componente dell'Autorità garante italiana, nel suo intervento alla sessione sugli aspetti economici della privacy nell'ambito della 26a Conferenza Internazionale dei Garanti per la privacy in svolgimento a Wroclaw, Polonia.

Rasi ha ricordato i profondi cambiamenti causati dalla tecnologia sulle attività umane, in particolare per quanto riguarda la produzione e la distribuzione dei beni e ha fatto riferimento alla necessità che la privacy venga considerata come una esigenza connessa alla qualità dei beni e dei servizi in vendita, dunque come una risorsa per emergere sui concorrenti nel moderno mercato.

Se da una parte vi è il rischio di un consumatore assediato dalle nuove tecnologie, che invadono la sua vita privata con proposte di acquisto, dall'altra vi è il rischio di un mercato che non riesce più ad entrare in contatto con il cliente e a stabilire un rapporto diretto. Ed è qui che la protezione dei dati personali può dimostrarsi un utile strumento per la definizione di un corretto rapporto tra imprese e consumatori: "L'esistenza di norme di tutela dei dati personali - secondo il componente dell'Autorità italiana - può permettere di migliorare la qualità del rapporto con il cliente e con il cittadino perché le aziende possono disporre di informazioni corrette e genuine, raccolte con il consenso dell'interessato che desideri essere effettivamente contattato."

Rasi ha concluso sottolineando come una generale normativa sulla protezione dei dati personali sia il "crocevia" verso il quale convergono i possibili percorsi di sviluppi della società contemporanea.

Wroclaw, 15 settembre 2004