Garante per la protezione
    dei dati personali


Comunicato Stampa

IL GARANTE A BERLINO PER PROMUOVERE LA CULTURA DELLA PRIVACY

L'Autorità Garante sarà il 7 ottobre all'Istituto italiano di cultura di Berlino in occasione di una Conferenza dedicata al sistema di garanzie a tutela della privacy introdotto nel nostro Paese dalla legge n. 675 del 1996.

La Conferenza prosegue l'iniziativa di tenere un ciclo di conferenze in materia di tutela della riservatezza dei dati personali presso i più importanti istituti di cultura italiani all'estero (il precedente convegno si era svolto a Madrid) e rientra nei compiti di promozione della conoscenza, presso i cittadini, delle norme sulla privacy che il Garante è chiamato a svolgere, ma che assume, come in questo caso, un particolare rilievo per i suoi aspetti culturali e sociali.

La Conferenza ha come scopo quello di delineare le novità intervenute, campo dei diritti della persona, con la legge n. 675 del 1996, dando, in particolare, attuazione alla direttiva europea laddove stabilisce che "i sistemi di trattamento dei dati sono al servizio dell'uomo" e che essi "indipendentemente dalla nazionalità o dalla residenza delle persone fisiche debbono rispettare le libertà e i diritti fondamentali delle stesse, in particolare la vita privata, e debbono contribuire al progresso economico e sociale, allo sviluppo degli scambi nonché al benessere degli individui".

La delegazione italiana verrà guidata dal vicepresidente, Giuseppe Santaniello, e da due altri esponenti dell'Autorità. Il Presidente Santaniello nel suo intervento svolgerà il tema "Il sistema delle garanzie della privacy nell'ordinamento italiano".

Gli altri aspetti che verranno affrontati nell'ambito della Conferenza riguarderanno le forme di tutela che l'ordinamento italiano e lo stesso Garante assicurano ai cittadini in materia di riservatezza e la privacy su Internet.

In occasione della visita a Berlino, la delegazione dell'Autorità verrà ricevuta dall'Ambasciatore italiano, Silvio Fagiolo, e dal direttore dell'Autorità per la protezione dei dati personali di Berlino, Hansjurgen Garstka.

Roma, 4 ottobre 2002