Garante per la protezione
    dei dati personali


Comunicato Stampa

NESSUN RISCHIO DA RICETTE ANONIME

In merito alle dichiarazioni del segretario nazionale di Federfarma, l'Autorità Garante ricorda che il Parlamento ha delegato, fin dal 1999, il Ministro della Sanità a disciplinare la questione dei nomi sulle ricette mediche.

Il Garante aveva avanzato, già da quella data, tutta una serie di suggerimenti e soluzioni operative tali da contemperare l'esigenze di anonimato dei pazienti con la possibilità di risalire immediatamente all'interessato nei casi di necessità.

Porre la questione in termini di rischio per i pazienti rappresenta dunque un grave travisamento dei fatti, anche in considerazione della circostanza che la previsione di rendere anonime le ricette mediche corrisponde ad una precisa ed insistita richiesta proveniente dagli stessi cittadini.

11.10.2001