Garante per la protezione
    dei dati personali


Comunicato Stampa

L'ing. Claudio Manganelli, componente del Garante per la protezione dei dati personali, ha dichiarato:

"Continuano ad apparire sulle testate giornalistiche, ed in taluni casi su quelle televisive, nel corpo di articoli che descrivono eventi e fatti di cronaca, notizie che nulla hanno a che vedere con la descrizione dell'evento stesso e nulla aggiungono alla comprensione dell'ambiente in cui l'evento è maturato.

Spesso tali notizie toccano aspetti della vita del soggetto protagonista dell'evento ai quali la legge n. 675 del 1996 assicura una particolare tutela.

In particolare, ci si riferisce alla notizia riguardante il ritrovamento del corpo di un imprenditore, nella quale sono state riportate informazioni relative, oltre che all'iscrizione dell'imprenditore ad un circolo sportivo, anche all'iscrizione dello stesso ad un partito politico, dato quest'ultimo definito "sensibile" dalla legge 675 e che, nel caso specifico, era del tutto irrilevante ai fini della notizia.

Si fa, quindi, appello alla sensibilità dei direttori delle testate giornalistiche e televisive perché il diritto di cronaca venga contemperato con il necessario rispetto dei diritti fondamentali della persona come, peraltro, è già avvenuto in qualche caso significativo".

10 settembre1997