Garante per la protezione
    dei dati personali


Spett.le (...)               

OGGETTO: Applicazione legge 675/1996

Con riferimento alla vostra nota del 3 giugno 1997,facciamo presente che le comunicazioni di cui all'art. 27.2 dellalegge 31 dicembre 1996, n. 675 devono essere inviate a questaAutorità solo dai soggetti pubblici che intendano effettuareuna comunicazione o diffusione ad uno o più soggetti pubblicinon previste da una legge o da un regolamento.

I privati e gli enti pubblici economici che trasmettanodati ad una pubblica amministrazione non devono procedere ad analoghecomunicazioni.

L'INPS può raccogliere i dati personali relativiai soggetti che beneficiano dei trattamenti di integrazione salarialeai sensi del decreto legge 1 ottobre 1996, n. 510, o di altreleggi, essendo il trattamento correlato allo svolgimento di funzioniistituzionali (art. 27.1 legge n. 675/1996).

Nel trasmettere all'INPS tali dati, la vostra Societàdeve osservare l'art. 20 della legge 675/1996. Il decreto n. 510 nonprevede l'obbligo per il datore di lavoro di trasmettere all'INPSi dati relativi al personale già dipendente (art. 20.1lettera c) legge n. 675/1996), né tale obbligo pare rinvenibilein altre disposizioni di legge o di regolamento.

E' quindi necessario acquisire il consenso dei lavoratoriinteressati, anche in forma orale purché documentata periscritto.

Per i dati relativi allo stato di salute, il consensodeve avere necessariamente la forma scritta.

IL GARANTE