Garante per la protezione
    dei dati personali


vedi anche:


[provv. 12 marzo 2009]

[comunicato stampa]

Proroga dell'efficacia del provvedimento del 12 marzo 2009, recante prescrizioni ai titolari di banche dati costituite sulla base di elenchi telefonici formati prima del 1° agosto 2005

PROVVEDIMENTO DEL 22 DICEMBRE 2009

(Pubblicato sulla GU n. 11 del 15-1-2010)

 

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

NELLA riunione odierna, in presenza del prof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. Giuseppe Chiaravalloti, vice presidente, del dott. Mauro Paissan e del dott. Giuseppe Fortunato, componenti, e del dott. Filippo Patroni Griffi, segretario generale;

VISTO il Codice in materia di protezione dei dati personali (d.lg. 30 giugno 2003, n. 196, di seguito "Codice");

VISTO l'art. 44, comma 1-bis del decreto legge 30 dicembre 2008, n. 207, convertito, con modificazioni, nella legge 27 febbraio 2009, n. 14 (in G.U. n. 28L del 28 febbraio 2009), che ha stabilito che i dati personali presenti nelle banche dati costituite sulla base di elenchi telefonici pubblici formati prima del 1° agosto 2005 sono lecitamente utilizzabili per fini promozionali sino al 31 dicembre 2009, anche in deroga agli articoli 13 e 23 del Codice, dai soli titolari del trattamento che hanno provveduto a costituire dette banche dati prima del 1° agosto 2005;

VISTO che il provvedimento del Garante del 12 marzo 2009 (pubblicato in G.U. n. 66 del 20 marzo 2009), emanato a seguito della deroga introdotta dalla legge 27 febbraio 2009, n. 14, ha stabilito alcune prescrizioni per i titolari di banche dati costituite sulla base di elenchi telefonici formati prima del 1° agosto 2005;

VISTO l'art. 20-bis della legge 20 novembre 2009, n. 166 (pubblicata in G.U. Suppl. ord. n. 215 del 24 novembre 2009, con la quale Ź stato convertito, con modificazioni, il decreto legge 25 settembre 2009, n. 135) che ha modificato l'art. 130 del Codice, consentendo il trattamento dei dati mediante l'impiego del telefono per finalitą di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale, nei confronti di chi non abbia esercitato il diritto di opposizione; visto che, pertanto, Ź prevista l'istituzione di un "registro pubblico delle opposizioni" entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge medesima e che "fino al suddetto termine, restano in vigore i provvedimenti adottati dal Garante per la protezione dei dati personali (…) in attuazione dell'articolo 129 del medesimo codice";

VISTO che, alla luce di quanto detto e in prospettiva dell'attuazione della nuova disciplina, la citata deroga (che in base al disposto della legge 27 febbraio 2009, n. 14, scadeva il 31 dicembre 2009) Ź stata conseguentemente prorogata - ex art. 20-bis, comma 3 sopra citato - "sino al termine di sei mesi successivi alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135", ossia della legge 20 novembre 2009 n. 166;

RITENUTA la necessitą, alla luce del mutato quadro normativo, di prorogare  l'efficacia del provvedimento del 12 marzo scorso sino al termine di scadenza della deroga sopra menzionata;

VISTA la documentazione in atti;

VISTE le osservazioni dell'Ufficio, formulate dal segretario generale ai sensi dell'art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000 del 28 giugno 2000;

RELATORE il prof. Francesco Pizzetti;

DISPONE

a) ai sensi degli artt. 143, comma 1, lett. b) e 154, comma 1, lett. c) del Codice, di prorogare l'efficacia del provvedimento del 12 marzo 2009 sino all'istituzione del registro pubblico delle opposizioni disciplinato dalla legge 20 novembre 2009, n. 106, art. 20 bis, comma 2  e comunque non oltre il "termine di sei mesi successivi alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135";

b) di trasmettere copia del presente provvedimento al Ministero della giustizia-Ufficio pubblicazione leggi e decreti per la sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 22 dicembre 2009

Il Presidente
Pizzetti

Il Relatore
Pizzetti

Il segretario generale
Patroni Griffi