Garante per la protezione
    dei dati personali

Newsletter

SORVEGLIANZADI MASSA, PRIVACY E LIBERTà DI ESPRESSIONE

Incontro a Roma tra Antonello Soro el'inviato dell'Onu, Frank La Rue

 

Siè svolto nei giorni scorsi a Roma, nella sede dell'Autorità garante per laprivacy, un incontro tra Antonello Soro, Presidente dell'Autorità, e Frank LaRue, relatore speciale delle Nazioni Unite per la promozione e la tutela dellalibertà di espressione.

L'incontroè preliminare alla visita ufficiale che lo stesso La Rue compirà a novembre inItalia in vista del prossimo rapporto che l'inviato dell'Onu dovrà stilare.

Alcentro dei colloqui il rapporto tra privacy e libertà di informazione e lepreoccupazioni per la proliferazione della nuove forme di sorveglianza dimassa, attraverso Internet e i sistemi di telecomunicazioni, venute alla lucedopo il caso "Datagate".

Ilpresidente Soro ha manifestato all'inviato dell'Onu la necessità di farcrescere una autentica cultura della protezione dei dati nel mondo digitale.

Occorre,ha sottolineato Soro, opporsi fermamente alla raccolta indiscriminata edabnorme di dati di milioni di cittadini, portato avanti dalle autorità Usa e daalcuni Paesi europei.

Equesto anche per evitare che monitoraggi così invasivi ed arbitrari possanominare la fiducia nella rete.

FrankLa Rue ha puntato la sua riflessione sul dovere degli Stati di garantire lasicurezza dei cittadini operando entro i confini della democrazia, perché "senzaprivacy non si può avere democrazia".

Privacye libertà di informazione, ha evidenziato l'inviato dell'Onu, sono strettamenteconnesse e interdipendenti.

Senzaleggi adeguate e regole che assicurino confidenzialità nelle comunicazioni,giornalisti, difensori dei diritti umani, semplici cittadini rischiano divedere compromessi irrimediabilmente i loro diritti fondamentali.