Garante per la protezione
    dei dati personali

Newsletter

VIOLAZIONI DELLA PRIVACYALL'ESTERO: INTERVIENE IL GARANTE

 

Nuoviinterventi del Garante per la protezione dei dati personali a tutela deicittadini la cui privacy è stata violata da imprese con sede all'estero. Sonosempre più frequenti, infatti, le segnalazioni di persone che non hanno glistrumenti per potersi difendere nei confronti di violazioni commesse da societàaventi sede fuori dal territorio nazionale o comunitario.

IlGarante della privacy italiano si è attivato ad esempio nei confronti dellasocietà che gestisce la nota social-community on-line www.badoo.com.

Unaragazza minorenne italiana si era lamentata, infatti, che alcune sue fotografiepubblicate su un altro sito di social network erano state utilizzate da unterzo per creare un'identità fittizia su Badoo.

Lasocietà, su richiesta del Garante, ha deciso di rimuovere spontaneamente ilfalso profilo.

L'Autoritàitaliana si è comunque riservata, se dovessero emergere altre violazioni, dichiedere l'intervento dell'Information Commissioner, competente sul territoriodel Regno Unito.

Inun altro caso, in cooperazione con il suo omologo tedesco, il Garante ha chiestoalla Federal Trade Commission (FTC), l'Autorità statunitense competente ancheper le violazioni della privacy, di accertare le modalità di trattamento deidati personali effettuato dal sito statunitense www. couchsurfing.com.

Numerosepersone, infatti, si sono lamentate di come la società che gestisce il portaleabbia modificato le privacy policy del servizio di "scambio di ospitalità"fornito mediante il web: gli utenti del sito in questione non avrebbero piùalcun controllo sui propri dati, e-mail e fotografie gestiti tramite il sito.

Vasegnalata infine la richiesta di cooperazione al Privacy Commissioner canadeseaffinché venga individuato chi gestisce il servizio offerto dal sitowww.trovanumeri.com che, ad una prima istruttoria preliminare, parrebbe ospitatodal server di una società canadese.

Inparticolare, numerosi cittadini si sono lamentati della diffusione sul web,senza consenso e senza possibilità di opposizione, dei propri dati personali(quali: nome e cognome, indirizzo e numero di telefono).