Garante per la protezione
    dei dati personali

Newsletter

SANITÀ: SÌ A RICERCA SU CURAOMEOPATICA


Circa cento i malati coinvolti. Necessario consenso informatodei pazienti reperibili

 

IlGarante per la protezione dei dati personali ha autorizzato una azienda ospedalieradel sud a  trattare anche senza il consenso di tutti malati coinvolti, idati sanitari di un centinaio di pazienti curati con medicinali omeopatici, pereseguire uno studio sulle caratteristiche dell'ansia e sui disturbi del sonno.L'azienda, che potrà accedere ai soli dati strettamente indispensabili epertinenti per la conduzione della ricerca, dovrà informare ed avere ilconsenso delle persone ancora in vita e reperibili.

 

Laricerca, che non si può svolgere con dati anonimi,  prevede infatti diestrapolare dalle cartelle cliniche dei pazienti informazioni particolarmentedelicate (condizioni fisiche, di salute, terapie non convenzionalisomministrate). La rilevanza dello scopo scientifico perseguito dallo studio,comprovata dal parere del comitato etico competente, le specifiche modalità ditrattamento prospettate e la limitata durata temporale dello studio, hanno indotto il Garante ad autorizzare l'Azienda sanitaria ad utilizzare senzaconsenso anche i dati dei pazienti irraggiungibili, irreperibili o deceduti.

 

Nel concedere l'autorizzazionel'Autorità ha, però, chiesto all'azienda di riformulare il modulo del consensoinformato in modo da permettere ai pazienti reperibili  di manifestareconsapevolmente la loro volontà sui vari aspetti del trattamento (natura deidati, uso per eventuali ulteriori scopi scientifici, possibili trasferimentiall'estero). L'azienda, inoltre, dovrà utilizzare  un codice alfanumericocasuale,  in luogo delle sole iniziali  dei pazienti, in modo datutelarne l'identità e ridurre il rischio di identificazione. L'Autorità hadisposto, infine, l'impiego di tecniche di cifratura e canali di trasmissionein  grado di garantire la sicurezza dei dati personali dell'indagine,anche nella fase di trasferimento dall'organizzazione di ricerca all'Aziendasanitaria.