Garante per la protezione
    dei dati personali

Newsletter

Multa a gestore telefonico che non risponde al Garante

 

Chi non fornisce all'Autoritą informazioni o documenti che gli sono stati richiesti Ź soggetto al pagamento di una sanzione pecuniaria. ť quanto accaduto a un gestore telefonico al quale il Garante ha ordinato di pagare una multa di 20.000 euro per violazione della norma del Codice privacy che stabilisce, appunto, l'obbligo di fornire informazioni richieste dall'Autoritą. Il provvedimento Ź stato adottato a seguito della segnalazione di una signora che lamentava di ricevere telefonate indesiderate da parte di un sistema automatizzato di chiamata senza operatore, senza che fosse stato preventivamente chiesto e ottenuto il consenso. In questi casi la normativa stabilisce che per effettuare telefonate attraverso l'uso di sistemi automatizzati di chiamata Ź necessario aver acquisito prima il consenso degli interessati.

 

Il Garante, che aveva gią invitato la societą a fornire ogni informazione in merito all'utilizzo del sistema, non avendo ricevuto risposta ha contestato la violazione. Trascorsi i termini che il gestore telefonico aveva per presentare scritti difensivi e documenti o per effettuare il pagamento previsto in misura ridotta, l'Autoritą ha applicato la sanzione pecuniaria prevista dal Codice privacy tenendo conto della gravitą della violazione.