Garante per la protezione
    dei dati personali

Newsletter

ADOZIONI E TRATTAMENTO DATI DEI MINORI

Sì al trattamento dei dati personali dei minori stranieri adottati o affidati a scopo di adozione a genitori italiani, ma solo in relazione a dati indispensabili e con le cautele previste dal Codice in materia di protezione dei dati personali.

Lo ha stabilito il Garante nel parere espresso su uno schema di regolamento messo a punto dagli uffici del Ministro delle politiche della famiglia e approvato dal Consiglio dei Ministri nelle scorse settimane, concernente il funzionamento e i compiti della Commissione per le adozioni internazionali.

L’Autorità ha richiesto alcune modifiche e integrazioni dello schema, anche in relazione al trattamento di dati sensibili del minore (ad es.: dati relativi all’origine razziale o etnica, stato di salute) o di dati giudiziari di altri soggetti (ad es.: dati concernenti i requisiti di onorabilità delle persone preposte agli enti autorizzati a svolgere attività di ausilio dei genitori nelle procedure di adozione).

Sotto questo profilo, il Garante ha ritenuto necessario coordinare le norme dello schema con le indicazioni già contenute in materia di adozione nel regolamento sul trattamento dei dati sensibili e giudiziari adottato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

L’Autorità ha inoltre richiesto di individuare nel regolamento adeguati tempi di conservazione dei dati da parte della Commissione e degli enti autorizzati, di coordinare la previsione dell’accesso agli atti e ai documenti relativi alla procedure di adozione con le altre disposizioni che disciplinano specificamente la conoscibilità di informazioni in tale materia, nonché con la disciplina in materia di accesso ai dati personali, e di prevedere idonee misure di sicurezza, in particolare tracciando gli accessi ai dati personali contenuti negli archivi.

Le indicazioni fornite dal Garante sono state in gran parte e sostanzialmente recepite nella stesura definitiva dello schema di regolamento poi approvato dal Consiglio dei ministri.