Garante per la protezione
    dei dati personali

Newsletter

PA: NO ALLE PATOLOGIE SUI MANDATI DI PAGAMENTO

Sugli assegni riferimenti alla legge 210/92 relativa a emotrasfusi da sangue infetto, epatiti e Hiv

E’ vietato indicare le condizioni di salute del beneficiario nella causale di un bonifico bancario. Lo ha stabilito l’Autorità che ha chiesto ad una pubblica amministrazione ad utilizzare mandati di pagamento in cui non compaiano riferimenti a patologie associabili ai destinatari degli assegni ma solo formule generiche o codici numerici.

Il principio è stato affermato a seguito di una segnalazione presentata da due persone affette da epatite C in cui si lamentava una grave lesione della riservatezza poiché da alcuni mesi, sull’indennizzo bimestrale percepito in quanto vittime di trasfusioni di sangue infetto, compariva la dicitura "assegno vitalizio legge 210/92".

Questa dicitura, che rappresenta un riferimento diretto a gravi patologie, quali le epatiti B e C oppure l’Hiv, considerate comunemente malattie ad alto rischio di contagio, aveva provocato disagio e imbarazzo nei beneficiari di fronte agli impiegati della banca addetti al pagamento e un grave pregiudizio nell’accesso a fidi e mutui di lunga durata, poiché considerate persone con una minore aspettativa di vita.

L’Autorità garante, riconosciuta la fondatezza dei dubbi sollevati dagli interessati sulla procedura che permetteva di rivelare informazioni sulle condizioni di salute, ha chiesto all’amministrazione dell’economia e delle finanze di individuare una modalità di pagamento più rispettosa della riservatezza e in particolare dei dati sulla salute. Le pubbliche amministrazioni infatti, come stabilito dal Codice della privacy, possono utilizzare solo i dati sensibili indispensabili per le loro attività istituzionali che non possano essere adempiute attraverso l’uso di dati anonimi. Dopo l’intervento del Garante l’amministrazione ha comunicato di aver provveduto sostituendo il riferimento alla legge 210/92 con una dicitura generica.