Garante per la protezione
    dei dati personali

Newsletter

USA: MULTA SALATA PER MARKETING DISINVOLTO

La Federal Trade Commission (FTC) degli USA ha chiesto ad un’emittente televisiva di pagare oltre 5.3 milioni di dollari (circa 4.1 milioni di Euro) quale sanzione per avere indebitamente contattato cittadini che non desideravano ricevere chiamate telefoniche per scopi di marketing, essendo inseriti nella cosiddetta "Do-Not-Call List". Se l’autorità giudiziaria confermerà questa richiesta, si tratterà della sanzione di importo più elevato mai comminata negli USA in rapporto ad attività di marketing.

La Do-Not-Call list è l’elenco istituito negli USA ai sensi della Legge omonima entrata in vigore all’inizio del 2003; si tratta di una sorta di "lista Robinson" in cui chiunque può chiedere di essere inserito per segnalare di non voler ricevere chiamate telefoniche a scopi di marketing (v. Newsletter 10-16 marzo 2003).

La Ftc è competente a vigilare sull’applicazione di tale normativa. Unitamente alla multa, la Ftc ha previsto una serie di misure per monitorare il rispetto da parte dell’emittente televisiva delle prescrizioni impartite, compreso l’obbligo di astenersi da qualsiasi futuro contatto con soggetti che effettuino attività di marketing violando la normativa suddetta.