Garante per la protezione
    dei dati personali

Newsletter

PER I NOTAI IN ARRIVO UN DECALOGO SEMPLIFICATO

Presto sintetizzate modalità agevoli per gestire in modo condiviso la normale attività notarile

I notai potranno disporre di nuovi suggerimenti e indicazioni pratiche per completare in modo semplificato l’attuazione del Codice in materia di protezione dei dati personali. Come annunciato dal Segretario generale del Garante, Giovanni Buttarelli al recente Congresso nazionale dei notai, si avrà presto un breve decalogo, messo a punto in collaborazione da Garante e Consiglio nazionale, che riassumerà le "regole del giuoco" al fine di permettere alla categoria di perseguire gli scopi professionali, tenendo conto delle regole già stabilite che assicurano riservatezza e pubblicità. Saranno previste brevi informative alla clientela in forma sintetica e colloquiale. Non ci sarà alcun obbligo di sostituire con codici identificativi i nomi delle parti sui fascicoli. Verranno ricordati i vari presupposti del trattamento equipollenti al consenso dell’interessato. Si forniranno, inoltre, altre indicazioni pratiche per adempiere agevolmente all’adozione delle misure di sicurezza (graduate secondo la delicatezza delle informazioni) e alla redazione, nel caso di trattamento di dati sensibili e/o giudiziari in via informatica, del documento programmatico (dps) entro il 30 giugno 2005.

Le indicazioni sono contenute in un parere del Garante reso nei giorni scorsi al Consiglio nazionale del notariato in risposta ad alcuni quesiti formulati sulla corretta applicazione della normativa da parte dei notai. La disciplina sulla protezione dei dati personali non pone in discussione la peculiarità della funzione notarile e si affianca alle regole generali sul segreto professionale per assicurare l’integrità e la disponibilità dei dati, indicando come debbano essere custoditi e trattati in concreto. Da questa disciplina i notai possono trarre vantaggi, svolgendo la professione in condizioni operative più sicure.

Oltre all’adozione delle cosidette "misure minime", ai notai, in qualità di titolari del trattamento, spetta predisporre ogni altra misura di sicurezza necessaria per ridurre al minimo il rischio di accesso non autorizzato, distruzione o perdita, anche accidentale di dati personali.

Una prima