Garante per la protezione
    dei dati personali

Newsletter

PUBBLICITÀ PER POSTA E DIRITTI DEI CITTADINI

Una casa editrice fa pubblicità per posta, ma non risponde alle richieste di un destinatario: paga le spese del procedimento

Pubblicizza per posta una rivista e paga le spese del procedimento. E' accaduto ad una importante casa editrice che ha spedito ad un cittadino italiano un invito ad abbonarsi ad una delle riviste pubblicata in collaborazione con un editorie straniero.

L'interessato, infastidito dalla lettera, aveva chiesto alla casa editrice di sapere, in particolare, dove fossero stati reperiti i suoi dati personali, con quali modalità essi venivano utilizzati e per quali scopi.

Non avendo avuto risposta alla sua richiesta, l'interessato si è rivolto al Garante, il quale, preso atto del comportamento della casa editrice, le ha ordinato di dare completo riscontro alle richieste del ricorrente addebitandole, inoltre, le spese sopportate dall'interessato per ricorrere, determinate forfetariamente in 250 euro.