Garante per la protezione
    dei dati personali

Newsletter

WEBCAM IN SPIAGGIA

In spiaggia, solo telecamere fisse e senza zoom, a bassa risoluzione o collocate lontane dalla zona ripresa e comunque tali da non consentire di individuare i tratti somatici delle persone.

Lo ha stabilito il Garante con un provvedimento emesso al termine delle ispezioni effettuate in alcuni stabilimenti del litorale romano, dove una associazione di consumatori e varie notizie di stampa avevano segnalato installazioni di web-cam che riprendevano immagini poi trasmesse attraverso siti internet.

Il Dipartimento controllo e vigilanza dell’Autorità, incaricato degli accertamenti, ha appurato la presenza di telecamere che riprendevano alcuni tratti di spiaggia per scopi pubblicitari, per far conoscere lo stato degli impianti o per fornire informazioni sulle condizioni meteorologiche, ma non ha riscontrato violazioni delle norme sulla tutela della privacy, perché le apparecchiature non permettevano di individuare in modo diretto o indiretto gli interessati. Le telecamere sono, in particolare, risultate prive della possibilità di utilizzare la funzione zoom, non consentono il cosiddetto "brandeggio" e sono in alcuni casi a bassa risoluzione o dislocate a lunga distanza dalla zona ripresa. Una analoga verifica, con gli stessi esiti, è stata effettuata sui siti web che trasmettono immagini in diretta o ad aggiornamento periodico. Pur non essendo individuabili le persone riprese, il gestore di uno stabilimento si è dichiarato, inoltre, in procinto di installare cartelli per avvertire i bagnanti della presenza delle telecamere.

Al termine di queste prime ispezioni il Garante si è comunque riservato di procedere ad altri accertamenti, in caso sia interessato da eventuali nuove segnalazioni. Nel frattempo ha disposto l’invio di copia del provvedimento, nel quale vengono fissati i criteri per l’eventuale l’installazione di web-cam in spiaggia, alle autorità amministrative competenti che si interessano dell’occupazione di zone demaniali marittime, perché valutino l’opportunità di inserire — tra i presupposti che i gestori dello stabilimento dichiarano di conoscere e accettare all’atto della concessione — l’obbligo di rispettare i vigenti principi in materia di trattamento di dati personali, in particolare per quanto riguarda l’istallazione di telecamere.

Le medesime autorità riceveranno anche copia del provvedimento di carattere generale del 29 novembre 2000 con il quale il Garante ha sintetizzato gli obblighi in materia di videosorveglianza, anche per quanto riguarda l’informativa al pubblico, la registrazione delle immagini, il periodo di loro conservazione ed il rispetto dei principi di pertinenza e proporzionalità nel trattamento dei dati.