Garante per la protezione
    dei dati personali

Newsletter

GLI UFFICI DI MEDIAZIONE PENALE MINORILE POSSONO TRATTARE I DATI GIUDIZIARI E SENSIBILI DEI RAGAZZI E DELLE LORO FAMIGLIE

Gli uffici per la mediazione penale minorile, la cui istituzione ha per scopo quello di promuovere la conciliazione dei ragazzi con le persone offese dal reato, possono accedere ai dati personali dei minori coinvolti in indagini penali e a quelli delle loro famiglie.

Lo ha stabilito il Garante in risposta ad una richiesta pervenuta da un avvocato che chiedeva se l'ufficio di mediazione penale minorile della sua città fosse legittimato al trattamento di dati personali, anche di tipo giudiziario e sensibile, relativi ai minori con i quali l'ufficio entra in contatto e alle loro famiglie.

Il Garante ha ricordato che il trattamento dei dati effettuato dagli uffici per la mediazione penale è effettuato per finalità riconducibili all'attuazione di specifiche disposizioni del nuovo processo penale minorile (D.P.R.448/ 1988) che consentono agli uffici giudiziari interessati di avvalersi della collaborazione di esperti per accertare la personalità dei minori e per ricercare, tramite incontri su base consensuale e confidenziale, la possibilità di un accordo con le persone offese.

Gli uffici per la mediazione penale, costituiti su iniziativa di più soggetti pubblici (servizi sociali degli enti locali, servizi minorili), hanno caratteristiche che li collocano nella sfera degli organismi pubblici che operano per finalità di assistenza sociale, in particolare in favore dei minori. Essi, pertanto, per il perseguimento delle proprie funzioni istituzionali, possono trattare dati di carattere personale, anche di tipo sensibile, avvalendosi, se del caso, della collaborazione di esperti.

La titolarità del trattamento è assunta dal Ministero della giustizia - Ufficio centrale per la giustizia minorile, il quale ha designato quali responsabili del trattamento i direttori dei Centri per la giustizia minorile competenti territorialmente. Il coordinatore dell'ufficio di mediazione penale ha il compito di individuare il personale incaricato all'accesso e alla gestione dei dati dei minori.