Garante per la protezione
    dei dati personali

Newsletter

IL GARANTE ITALIANO ALLA CONFERENZA DI STOCCOLMA

Il 6 e 7 aprile si è svolta a Stoccolma la conferenza di primavera delle Autorità di garanzia europee per la protezione dei dati personali, organizzata per approfondire i temi di maggiore attualità nel dibattito internazionale sulla tutela della privacy, con particolare riferimento alle più recenti implicazioni tecnologiche e alle nuove frontiere genetiche nell'uso di dati personali.

Ai lavori hanno preso parte anche Stefano Rodotà, Claudio Manganelli e Giovanni Buttarelli, rispettivamente presidente, componente e segretario generale dell'Autorità Garante.

La conferenza si è articolata in varie sessioni dedicate all'analisi dei problemi concernenti il trattamento delle informazioni di carattere genetico e sanitario, la situazione nei paesi dell'Unione europea dopo il recepimento e l'attuazione delle direttive comunitarie sulla protezione dei dati personali, il diritto di accesso e la trasparenza dei documenti in possesso delle pubbliche amministrazioni. Particolare attenzione è stata posta alle questioni relative al cybercrimine, ai rapporti tra privacy e Internet, all'uso dei dati nelle telecomunicazioni, alla massiccia diffusione di tecnologie invasive.

Su quest'ultimo aspetto Stefano Rodotà ha fornito una serie di documenti e di spunti volti a sollecitare una più attenta riflessione sul tema della videosorveglianza a fini di sicurezza e ordine pubblico, mentre Claudio Manganelli è intervenuto sul "free telephoning", cioè sui servizi telefonici gratuiti, interrotti da spot pubblicitari, forniti in cambio di dati personali.