Garante per la protezione
    dei dati personali

Newsletter

I DATI IN POSSESSO DELLE SOCIETA' FINANZIARIE

Un cittadino ha chiesto al Garante di intervenire affinché i suoi dati personali venissero cancellati dall'archivio di una società finanziaria alla quale si era rivolto per ottenere un prestito. Poiché il pagamento delle rate non era sempre avvenuto regolarmente, l'interessato era stato iscritto negli archivi di alcune centrali rischi.

Nell'esaminare il caso (che comunque riguardava un contratto sottoscritto prima dell'entrata in vigore della legge n.675 del 1996) e decidendo il non luogo a procedere, il Garante ha osservato che la clausola di trasmissione dei suoi dati alle centrali rischi era specificamente contemplata dal contratto ed espressamente sottoscritta dall'interessato. La registrazione di questi dati nelle banche dati delle centrali rischi per la prevista durata di cinque anni era, pertanto, corretta. Allo scadere del periodo essi sono stati regolarmente cancellati.