CORTE DI GIUSTIZIA DELLE COMUNITAĠ EUROPEE

Sentenza della Corte (Terza Sezione)

5 maggio 2011

 

ÇComunicazioni elettroniche – Direttiva 2002/22/CE – Art. 25, n. 2 – Direttiva 2002/58/CE – Art. 12 – Fornitura di elenchi telefonici e di servizi di consultazione – Obbligo imposto ad unĠimpresa che assegna numeri di telefono di trasmettere ad altre imprese i dati di cui dispone relativi agli abbonati di imprese terzeÈ

 

Nel procedimento C-543/09, avente ad oggetto una domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dellĠart. 267 TFUE, dal Bundesverwaltungsgericht (Germania), con decisione 28 ottobre 2009, pervenuta in cancelleria il 22 dicembre 2009, nella causa Deutsche Telekom AG contro Bundesrepublik Deutschland, con lĠintervento di:

GoYellow GmbH, Telix AG,

 

LA CORTE (Terza Sezione),

composta dal sig. K. Lenaerts (relatore), presidente di sezione, dalla sig.ra R. Silva de Lapuerta, dai sigg. G. Arestis, J. Malenovský e T. von Danwitz, giudici,

avvocato generale: sig.ra V. Trstenjak

cancelliere: sig. K. Malacek, amministratore

 

vista la fase scritta del procedimento e in seguito allĠudienza del 2 dicembre 2010,

considerate le osservazioni presentate:

– per la Deutsche Telekom AG, dallĠavv. W. Roth, Rechtsanwalt, e dalla sig.ra I. Fink, Justitiarin;

– per la Bundesrepublik Deutschland, dalla sig.ra E. Greiwe, in qualitˆ di agente;

– per la GoYellow GmbH, dallĠavv. G. Jochum, Rechtsanwalt;

– per il governo italiano, dalla sig.ra G. Palmieri, in qualitˆ di agente, assistita dal sig. P. Gentili, avvocato dello Stato;

– per il governo del Regno Unito, dalle sig.re F. Penlington e C. Murrell, in qualitˆ di agenti, assistite dal sig. T. Ward, barrister;

– per la Commissione europea, dai sigg. A. Nijenhuis e G. Braun, in qualitˆ di agenti,

sentite le conclusioni dellĠavvocato generale, presentate allĠudienza del 17 febbraio 2011,

ha pronunciato la seguente

Sentenza

 

1       La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sullĠinterpretazione dellĠart. 25, n. 2, della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 7 marzo 2002, 2002/22/CE, relativa al servizio universale e ai diritti degli utenti in materia di reti e di servizi di comunicazione elettronica (direttiva Çservizio universaleÈ) (GU L 108, pag. 51), nonchŽ dellĠart. 12 della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 12 luglio 2002, 2002/58/CE, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche (direttiva vita privata e comunicazioni elettroniche) (GU L 201, pag. 37; in prosieguo: la direttiva Òvita privata e comunicazioni elettronicheÓ).

2      Tale domanda  stata presentata nellĠambito di una controversia tra la Deutsche Telekom AG (in prosieguo: la ÇDeutsche TelekomÈ) e la Repubblica federale di Germania, rappresentata dalla Bundesnetzagentur für ElektrizitŠt, Gas, Telekommunikation, Post und Eisenbahnen (Autoritˆ federale di vigilanza sui mercati di rete nei settori dellĠelettricitˆ, del gas, delle telecomunicazioni e dei servizi postali e ferroviari, in prosieguo:

la ÇBundesnetzagenturÈ), relativamente allĠobbligo, imposto dalla legge sulle telecomunicazioni (Telekommunikationsgesetz; in prosieguo: il ÇTKGÈ) alle imprese che assegnano numeri di telefono di mettere a disposizione di altre imprese, la cui attivitˆ consista nella fornitura di elenchi telefonici e di servizi di consultazione elenchi accessibili al pubblico, i dati in loro possesso concernenti gli abbonati di imprese terze.

 

Contesto normativo

La normativa dellĠUnione

La direttiva 95/46/CE

 

3      DallĠart. 1, n. 1, della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 24 ottobre 1995, 95/46/CE, relativa alla tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonchŽ alla libera circolazione di tali dati (GU L 281, pag. 31), risulta che questa mira ad assicurare la tutela dei diritti e delle libertˆ fondamentali delle persone fisiche e particolarmente del diritto alla vita privata, con riguardo al trattamento dei dati personali.

4      LĠart. 2, lett. h), di detta direttiva definisce Çconsenso della persona interessataÈ Çqualsiasi manifestazione di volontˆ libera, specifica e informata con la quale la persona interessata accetta che i dati personali che la riguardano siano oggetto di un trattamentoÈ.

5      LĠart. 7, lett. a), della medesima direttiva dispone che il trattamento di dati personali pu˜ essere effettuato soltanto quando Çla persona interessata ha manifestato il proprio consenso in maniera inequivocabileÈ. La direttiva ÇONPÈ

6      A decorrere dal 1Ħ gennaio 1998 la fornitura dei servizi e delle infrastrutture di telecomunicazione  stata liberalizzata nellĠUnione europea. Tale liberalizzazione  avvenuta in concomitanza con lĠistituzione di un quadro normativo armonizzato di cui faceva parte la direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 26 febbraio 1998, 98/10/CE, sullĠapplicazione del regime di fornitura di una rete aperta (ONP) alla telefonia vocale e sul servizio universale delle telecomunicazioni in un ambiente concorrenziale (GU L 101, pag. 24; in prosieguo: la Çdirettiva ÒONPÓÈ).

7      La direttiva ÇONPÈ  stata abrogata dallĠart. 26 della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 7 marzo 2002, 2002/21/CE, che istituisce un quadro normativo comune per le reti ed i servizi di comunicazione elettronica (direttiva quadro) (GU L 108, pag. 33; in prosieguo: la Çdirettiva-quadroÈ). LĠart. 6, n. 3, della direttiva ÇONPÈ disponeva quanto segue: ÇPer garantire la fornitura dei servizi [di elenco telefonico e consultazione elenco abbonati], gli Stati membri fanno s“ che tutti gli organismi incaricati di attribuire i numeri di telefono agli abbonati soddisfino tutte le ragionevoli richieste di rendere disponibili le informazioni utili, in forma convenuta e a condizioni eque, orientate ai costi e non discriminatorieÈ.

 

Quadro normativo comune

8      Come discende dal primo ÔconsiderandoĠ della direttiva-quadro, alcuni anni dopo la liberalizzazione dei mercati delle telecomunicazioni risultavano realizzate le condizioni per una concorrenza effettiva ed  stato adottato un quadro normativo comune (in prosieguo: il ÇQNCÈ). Nel QNC rientrano, in particolare, la direttiva-quadro, la direttiva Çservizio universaleÈ nonchŽ la direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ.

 

– La direttiva-quadro

9      LĠart. 1, n. 1, della direttiva-quadro prevede quanto segue:

ÇLa presente direttiva istituisce un quadro normativo armonizzato per la disciplina dei servizi di comunicazione elettronica (...) definisce le funzioni delle autoritˆ nazionali di regolamentazione ed istituisce le procedure atte a garantire lĠapplicazione armonizzata del quadro normativo nella ComunitˆÈ.

10    La direttiva-quadro conferisce alle autoritˆ nazionali di regolamentazione (in prosieguo: le ÇANRÈ) funzioni specifiche di regolamentazione dei mercati delle comunicazioni elettroniche. In tal modo, in forza del suo art. 16, le ANR procedono allĠanalisi dei mercati rilevanti nel settore delle comunicazioni elettroniche e valutano se tali mercati siano effettivamente concorrenziali. Se un mercato non  effettivamente concorrenziale lĠANR competente impone specifici obblighi di regolamentazione alle imprese che dispongono di un significativo potere di mercato.

 

– La direttiva Çservizio universaleÈ

11    LĠundicesimo e il trentacinquesimo ÔconsiderandoĠ della direttiva Çservizio universaleÈ cos“ recitano:

Ç(11) I servizi di repertoriazione e di consultazione di elenchi sono strumenti essenziali per fruire dei servizi telefonici accessibili al pubblico e rientrano negli obblighi di servizio universale. Gli utenti e i consumatori desiderano disporre di elenchi completi e di servizi di consultazione che comprendano tutti gli abbonati repertoriati e i rispettivi numeri (compresi i numeri di telefono fisso e mobile), e desiderano che tali informazioni siano presentate in modo imparziale. La direttiva 97/66/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 dicembre 1997 sul trattamento dei dati personali e sulla tutela della vita privata nel settore delle telecomunicazioni [GU 1998, L 24, pag. 1] tutela il diritto degli abbonati alla vita privata con riferimento allĠinclusione di dati personali negli elenchi pubblici.

(...)

(35) La fornitura degli elenchi abbonati e dei servizi di consultazione  giˆ aperta alla concorrenza. Le disposizioni della presente direttiva integrano quelle della direttiva 97/66/CE, conferendo il diritto, per gli abbonati, a veder figurare i propri dati in elenchi su supporto cartaceo od elettronico. Tutti i fornitori di servizi che attribuiscono numeri di telefono ai rispettivi abbonati sono tenuti a mettere a disposizione le informazioni pertinenti con modalitˆ eque, orientate ai costi e non discriminatorieÈ.

12 LĠart. 5 della direttiva Çservizio universaleÈ, intitolato ÇElenco abbonati e servizi di consultazioneÈ, nella sua versione vigente allĠepoca dei fatti di cui alla causa principale aveva il seguente tenore:

Ç1. Gli Stati membri provvedono affinchŽ:

a) almeno un elenco completo sia accessibile agli utenti finali, in una forma - cartacea, elettronica o in entrambe le forme - approvata dallĠautoritˆ competente, e sia aggiornato a scadenze regolari ed almeno una volta lĠanno;

b) almeno un servizio completo di consultazione degli elenchi sia accessibile a tutti gli utenti finali, compresi gli utenti dei telefoni pubblici a pagamento.

2. Gli elenchi di cui al paragrafo 1 comprendono, fatte salve le disposizioni dellĠart. 11 della direttiva 97/66/CE, tutti gli abbonati ai servizi telefonici accessibili al pubblico.

(...)È.

13    Ai sensi dellĠart. 17 della direttiva Çservizio universaleÈ, le ANR, a seguito dellĠeffettuazione di unĠanalisi di un mercato al dettaglio e dopo aver accertato che il mercato interessato non  effettivamente concorrenziale, impongono i necessari obblighi normativi alle imprese identificate come imprese che detengono un rilevante potere di mercato su tale mercato.

14    LĠart. 25 della direttiva Çservizio universaleÈ, intitolato ÇServizi di assistenza mediante operatore e di consultazione elenchiÈ, nella sua versione vigente allĠepoca dei fatti di cui alla causa principale disponeva quanto segue:

Ç1. Gli Stati membri provvedono affinchŽ gli abbonati ai servizi telefonici accessibili al pubblico abbiano diritto ad essere repertoriati negli elenchi accessibili al pubblico di cui allĠart. 5, paragrafo 1, lettera a).

2. Gli Stati membri provvedono affinchŽ tutte le imprese che assegnano numeri agli abbonati soddisfino qualsiasi richiesta ragionevole di rendere disponibili le informazioni necessarie, ai fini della fornitura di elenchi e di servizi di consultazione accessibili al pubblico, in una forma concordata e a condizioni eque, oggettive, orientate ai costi e non discriminatorie.

(...)

5. I paragrafi 1, 2, (...) lasciano impregiudicata lĠapplicazione delle norme dettate dalla legislazione comunitaria in materia di protezione dei dati personali e della vita privata e, in particolare, quelle dellĠart. 11 della direttiva 97/66/CEÈ.

 

– La direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ

15    Il trentottesimo e il trentanovesimo ÔconsiderandoĠ della direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ enunciano quanto segue:

Ç(38) Gli elenchi degli abbonati ai servizi di comunicazione elettronica sono pubblici ed ampiamente distribuiti. Il rispetto della vita privata delle persone fisiche e i legittimi interessi delle persone giuridiche postulano, per gli abbonati, il diritto di determinare se i loro dati personali possano essere pubblicati in un elenco e, in caso affermativo, quali. é opportuno che i fornitori di elenchi pubblici informino gli abbonati che vi figureranno degli scopi dellĠelenco stesso e di ogni specifico impiego che possa essere fatto delle versioni elettroniche degli elenchi pubblici, in particolare mediante le funzioni di ricerca incorporate nel software, come ad esempio le funzioni di ricerca inversa che consentono agli utenti dellĠelenco di risalire al nome e allĠindirizzo dellĠabbonato in base al solo numero telefonico.

(39) LĠobbligo di informare gli abbonati sugli scopi di elenchi pubblici in cui i loro dati personali devono essere inclusi dovrebbe essere imposto alla parte che raccoglie i dati per tale inclusione. Se i dati possono essere trasmessi a uno o pi terzi, lĠabbonato dovrebbe essere informato su questa possibilitˆ e sul ricevente o sulle categorie di possibili riceventi. Le trasmissioni dovrebbero essere soggette alla condizione che i dati non possono essere usati per scopi diversi da quelli per cui sono stati raccolti. Se la parte che raccoglie i dati dallĠabbonato o i terzi a cui i dati sono stati trasmessi desiderano usarli per uno scopo ulteriore, la parte che ha raccolto i dati in origine o il terzo a cui i dati sono stati trasmessi deve ottenere nuovamente il consenso dellĠabbonatoÈ.

16    LĠart. 12 della direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ, intitolato ÇElenchi di abbonatiÈ, ai suoi nn. 1-3 prevede quanto segue:

Ç1. Gli Stati membri assicurano che gli abbonati siano informati, gratuitamente e prima di essere inseriti nellĠelenco, in merito agli scopi degli elenchi cartacei o elettronici a disposizione del pubblico o ottenibili attraverso i servizi che forniscono informazioni sugli elenchi, nei quali possono essere inclusi i loro dati personali, nonchŽ in merito ad ogni ulteriore possibilitˆ di utilizzo basata su funzioni di ricerca incorporate nelle versioni elettroniche degli elenchi stessi.

2. Gli Stati membri assicurano che gli abbonati abbiano la possibilitˆ di decidere se i loro dati personali - e, nellĠaffermativa, quali - debbano essere riportati in un elenco pubblico, semprechŽ tali dati siano pertinenti per gli scopi dellĠelenco dichiarati dal suo fornitore. Gli Stati membri provvedono affinchŽ gli abbonati abbiano le possibilitˆ di verificare, rettificare o ritirare tali dati. Il fatto che i dati non siano riportati in un elenco pubblico di abbonati[,] la verifica, la correzione o il ritiro dei dati non devono comportare oneri.

3. Gli Stati membri possono disporre che sia chiesto il consenso ulteriore degli abbonati per tutti gli scopi di un elenco pubblico diversi dalla ricerca di dati su persone sulla base del loro nome e, ove necessario, di un numero minimo di altri elementi di identificazioneÈ.

17    LĠart. 19 della direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ dispone che la direttiva 97/66  abrogata con efficacia a decorrere dal 31 ottobre 2003 e che Ç[i] riferimenti alla direttiva abrogata si intendono fatti alla presente direttivaÈ. I riferimenti allĠart. 11 della direttiva 97/66 devono pertanto essere intesi come fatti allĠart. 12 della direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ.

 

La normativa nazionale

18    Secondo il giudice del rinvio, dal combinato disposto degli artt. 47, n. 1, 104 e 105 del TKG risulta che tutte le imprese che assegnano numeri di telefono agli utenti finali hanno lĠobbligo di trasmettere ai fornitori di elenchi abbonati e servizi di consultazione accessibili al pubblico che ne facciano richiesta non solo i dati relativi ai propri abbonati, ma altres“ i dati di cui dispongono relativi agli abbonati di operatori telefonici terzi. La trasmissione di tali dati non  subordinata al consenso o alla mancata opposizione da parte degli abbonati interessati o dei loro operatori telefonici.

 

Fatti allĠorigine della controversia e questioni pregiudiziali

19    In qualitˆ di gestore di rete di telecomunicazioni in Germania, la Deutsche Telekom assegna numeri di telefono ai suoi abbonati. Essa gestisce un servizio di consultazione elenchi telefonici su tutto il territorio tedesco. Inoltre, pubblica elenchi cartacei ed elettronici contenenti informazioni relative non solo ai propri abbonati, ma anche agli abbonati di imprese terze. La Deutsche Telekom acquisisce i dati a tal fine necessari presso gli operatori telefonici che hanno assegnato numeri di telefono agli abbonati in questione. In tal senso, essa ha concluso contratti aventi ad oggetto lĠacquisizione di dati relativi agli abbonati con circa 100 imprese.

20    Le societˆ GoYellow GmbH (in prosieguo: la ÇGoYellowÈ) e Telix AG (in prosieguo: la ÇTelixÈ), parti intervenienti nella causa principale, gestiscono rispettivamente un servizio di informazioni tramite Internet e un servizio di consultazione di elenchi del telefono e utilizzano dati messi a loro disposizione dalla Deutsche Telekom in cambio di un corrispettivo. A seguito di una controversia in merito allĠampiezza dei dati che, in forza degli artt. 47, n. 1, 104 e 105 del TKG, la Deutsche Telekom aveva lĠobbligo di mettere a disposizione della GoYellow e della Telix, queste ultime hanno adito la Bundesnetzagentur.

21    Con decisione 11 settembre 2006, la Bundesnetzagentur ha ingiunto alla Deutsche Telekom di mettere a disposizione della GoYellow e della Telix non soltanto i dati relativi ai propri abbonati, ma anche i dati in suo possesso relativi agli abbonati di operatori telefonici terzi (in prosieguo: i Çdati esterniÈ), anche quando questi ultimi operatori o i loro abbonati desideravano che detti dati fossero pubblicati esclusivamente dalla Deutsche Telekom.

22    La Deutsche Telekom ha proposto ricorso dinanzi al Verwaltungsgericht Kšln (Tribunale amministrativo di Colonia) avverso la predetta decisione della Bundesnetzagentur.

23    Con sentenza 14 febbraio 2008 il Verwaltungsgericht Kšln ha respinto il suddetto ricorso. La Deutsche Telekom ha quindi proposto ricorso per ÇRevisionÈ (ricorso per cassazione) dinanzi al Bundesverwaltungsgericht (Corte amministrativa federale), adducendo segnatamente che un obbligo di trasmissione di dati esteso ai dati esterni viola le disposizioni della direttiva Çservizio universaleÈ.

24    Nella decisione di rinvio il Bundesverwaltungsgericht spiega che la controversia principale si limita, da un lato, allĠobbligo imposto alla Deutsche Telekom di trasmettere dati esterni alla GoYellow e alla Telix e, dallĠaltro, ai dati che lĠabbonato o il suo operatore telefonico desidera siano pubblicati esclusivamente dalla Deutsche Telekom. Ad avviso del giudice del rinvio, in base al solo diritto nazionale il ricorso per ÇRevisionÈ dovrebbe essere respinto. Esso si chiede tuttavia se lĠobbligo imposto dal diritto nazionale applicabile alla controversia di cui  investito sia conforme al diritto dellĠUnione.

25    Il Bundesverwaltungsgericht rileva, da un lato, che la sentenza 25 novembre 2004, causa C-109/03, KPN Telecom (Racc. pag. I-11273), consente di affermare che, in forza dellĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ, unĠimpresa che assegna numeri di telefono ha lĠobbligo di trasmettere solo i dati relativi ai propri abbonati. Il giudice del rinvio ritiene, dallĠaltro, che non possa escludersi che il diritto dellĠUnione consenta al legislatore nazionale di estendere lĠobbligo di mettere a disposizione informazioni ai dati esterni, in considerazione, in particolare, dello scopo generale della direttiva-quadro, consistente nel promuovere la concorrenza. Difatti, secondo tale giudice, la raccolta di dati presso un unico interlocutore  idonea, da una parte, ad evitare i sostanziali ostacoli normalmente connessi al fatto di conseguire i dati presso le singole imprese individuali che assegnano numeri di telefono, al momento della costituzione e, soprattutto, dellĠattualizzazione permanente degli stock di dati necessari per la fornitura di elenchi telefonici nonchŽ di servizi di consultazione elenchi e, dallĠaltra, a promuovere in modo durevole solide strutture concorrenziali.

26    NellĠipotesi in cui al legislatore nazionale sia consentito estendere lĠobbligo di mettere a disposizione dati anche ai dati esterni di cui lĠimpresa soggetta a tale obbligo disponga, il giudice del rinvio si chiede se lĠart. 12 della direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ subordini la trasmissione di tali dati esterni al consenso degli abbonati e dei loro operatori telefonici.

27    In tale contesto, il Bundesverwaltungsgericht ha deciso di sospendere il procedimento e di porre alla Corte le seguenti questioni pregiudiziali: Ç1) Se lĠart. 25, n. 2, della [direttiva Òservizio universaleÓ] vada interpretato nel senso che agli Stati membri  consentito imporre ad unĠimpresa che assegna numeri telefonici agli abbonati lĠobbligo di mettere a disposizione – ai fini della fornitura di elenchi di abbonati e di servizi di consultazione accessibili al pubblico – dati relativi ad abbonati cui detta impresa non ha essa stessa assegnato numeri telefonici, qualora essa disponga di tali dati.

Nel caso in cui tale questione venga risolta in senso positivo:

2) Se lĠart. 12 della [direttiva Òvita privata e comunicazioni elettronicheÓ] vada interpretato nel senso che lĠimposizione del suddetto obbligo da parte del legislatore nazionale  subordinata alla condizione che lĠaltro operatore telefonico o i suoi abbonati autorizzino la comunicazione dei dati o, quantomeno, non vi si opponganoÈ.

 

Sulle questioni pregiudiziali

Sulla prima questione

 

28    Con la sua prima questione il giudice del rinvio chiede, in sostanza, se lĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ debba essere interpretato nel senso che osta ad una normativa nazionale che imponga alle imprese che assegnano numeri di telefono ad utenti finali lĠobbligo di mettere a disposizione di imprese la cui attivitˆ consiste nel fornire elenchi e servizi di consultazione accessibili al pubblico i dati di cui dispongono relativi agli abbonati di imprese terze.

29    Per risolvere tale questione occorre, innanzitutto, verificare se i dati esterni di cui trattasi nella causa principale configurino Çinformazioni necessarieÈ ai sensi dellĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ, che le imprese che assegnano numeri di telefono hanno lĠobbligo di comunicare, in forza di tale disposizione, alle imprese la cui attivitˆ consiste nel fornire elenchi e servizi di consultazione accessibili al pubblico.

30    In proposito, si deve rilevare che lĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ pone un obbligo di trasmissione di dati esclusivamente a carico delle Çimprese che assegnano numeri agli abbonatiÈ. In considerazione del collegamento cos“ stabilito tra lĠobbligo di trasmissione dei dati, da un lato, e lĠassegnazione di un numero di telefono ad un abbonato, dallĠaltro, deve ritenersi che le Çinformazioni necessarieÈ, la cui comunicazione  resa obbligatoria dalla citata disposizione, riguardino unicamente i dati relativi agli abbonati delle imprese di cui trattasi. Infatti, tale disposizione impone un obbligo ad unĠimpresa, quale la Deutsche Telekom, nella sua qualitˆ di impresa che assegna numeri di telefono e non giˆ in quanto fornitore di elenchi e di servizi di consultazione.

31    Una simile interpretazione  corroborata dallĠobiettivo che lĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ persegue, ossia quello di assicurare il rispetto dellĠobbligo di servizio universale sancito allĠart. 5, n. 1, di tale direttiva, norma che dispone che gli Stati membri provvedano affinchŽ almeno un elenco completo o un servizio completo di consultazione degli elenchi sia messo a disposizione degli utenti finali.

Orbene, un obbligo imposto a qualsiasi impresa che assegna numeri di telefono di trasmettere i dati relativi ai propri abbonati consente allĠimpresa designata per fornire il servizio universale di cui trattasi di costituire una banca dati esauriente e, quindi, di assicurare il rispetto dellĠobbligo di cui al summenzionato art. 5, n. 1.

32    A sostegno della loro argomentazione secondo cui lĠobbligo di trasmissione dei dati di cui allĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ si riferisce anche ai dati esterni, la Bundesnetzagentur e il governo italiano fanno riferimento allĠundicesimo ÔconsiderandoĠ di detta direttiva nonchŽ allo scopo generale di promozione della concorrenza di cui al QNC.

33    A questo proposito occorre ricordare che lĠundicesimo ÔconsiderandoĠ della direttiva Çservizio universaleÈ enuncia che Ç[g]li utenti e i consumatori desiderano disporre di elenchi completi e di servizi di consultazione che comprendano tutti gli abbonati repertoriati e i rispettivi numeriÈ. Tuttavia, tale ÔconsiderandoĠ deve essere letto in combinazione con lĠobbligo di servizio universale sancito dallĠart. 5, n. 1, di detta direttiva, che non impone agli Stati membri di assicurare che tutti gli elenchi e i servizi di consultazione elenchi siano completi. Infatti, in forza di tale disposizione gli Stati membri debbono soltanto provvedere affinchŽ almeno un elenco completo o un servizio completo di consultazione degli elenchi sia messo a disposizione degli utenti finali. Orbene, come risulta dal punto 31 della presente sentenza, un obbligo di trasmissione riguardante le imprese che assegnano numeri di telefono e relativo ai soli dati concernenti gli abbonati di queste ultime  sufficiente a garantire il rispetto dellĠobbligo di servizio universale di cui al citato art. 5, n. 1.

34    LĠobiettivo generale del QNC, che  quello di promuovere la concorrenza, non consente neppure di ritenere che unĠimpresa che assegna numeri di telefono agli abbonati, quale la Deutsche Telekom, sia tenuta, in forza dellĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ, a trasmettere ad imprese terze altri dati rispetto a quelli relativi ai propri abbonati.

35    Infatti, lĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ deve essere interpretato alla luce del suo obiettivo specifico, che  quello di assicurare il rispetto dellĠobbligo di servizio universale stabilito dallĠart. 5, n. 1, di tale direttiva.

36    Inoltre, il trentacinquesimo ÔconsiderandoĠ della direttiva Çservizio universaleÈ dichiara che la fornitura degli elenchi abbonati e dei servizi di consultazione  giˆ aperta alla concorrenza. Orbene, in un mercato concorrenziale, lĠobbligo a carico delle imprese che assegnano numeri di telefono di trasmettere i dati relativi ai propri abbonati, conformemente allĠart. 25, n. 2, di tale direttiva, in linea di principio consente non solo allĠimpresa designata di assicurare il rispetto dellĠobbligo di servizio universale previsto dallĠart. 5, n. 1, della suddetta direttiva, ma altres“ a qualunque operatore telefonico di costituire una banca dati esauriente e di esercitare attivitˆ sul mercato dei servizi di fornitura di elenchi abbonati e di consultazione. Al riguardo  sufficiente che lĠoperatore interessato chieda a ciascuna impresa che assegna numeri di telefono i dati rilevanti relativi ai suoi abbonati.

37    Da quanto precede risulta pertanto che le Çinformazioni necessarieÈ ai sensi dellĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ, la cui comunicazione  resa obbligatoria da tale disposizione, riguardano esclusivamente le informazioni relative agli abbonati delle imprese che assegnano numeri di telefono.

38    In secondo luogo, deve stabilirsi se lĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ proceda ad unĠarmonizzazione completa o se, al contrario, tale disposizione consenta agli Stati membri di porre a carico delle imprese che assegnano numeri di telefono lĠobbligo di trasmettere alle imprese che intendano fornire elenchi e servizi di consultazione accessibili al pubblico non solo le Çinformazioni necessarieÈ ai sensi della predetta disposizione, ma anche dati esterni.

39    A questo proposito  anzitutto opportuno ricordare che, al punto 35 della citata sentenza KPN Telecom, relativa allĠinterpretazione dellĠart. 6, n. 3, della direttiva ÇONPÈ, il cui tenore  affine a quello dellĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ, la Corte ha dichiarato che detto art. 6, n. 3, non era finalizzato ad unĠarmonizzazione completa e che gli Stati membri continuano ad essere competenti al fine di determinare se, in un contesto nazionale specifico, determinate informazioni supplementari debbano essere messe a disposizione dei terzi.

40    La Deutsche Telekom, il governo del Regno Unito e la Commissione europea sostengono, tuttavia, che siffatta interpretazione non pu˜ essere applicata allĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ, dal momento che questa fa parte del QNC il quale, come emerge dallĠart. 1, n. 1, della direttiva-quadro,  un quadro normativo armonizzato per la disciplina dei servizi di comunicazione elettronica. Al legislatore nazionale non sarebbe consentito, pertanto, imporre alle imprese interessate obblighi pi ampi di quelli previsti da tale art. 25, n. 2.

41    A tale riguardo si deve rilevare, in primo luogo, che lĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ rientra nel capitolo IV della stessa, dedicato agli interessi e ai diritti degli utenti finali. Orbene, la Corte ha giˆ avuto modo di dichiarare che la direttiva-quadro e la direttiva Çservizio universaleÈ non prevedono una completa armonizzazione degli aspetti relativi alla protezione dei consumatori (sentenza 11 marzo 2010, causa C-522/08, Telekomunikacja Polska, non ancora pubblicata nella Raccolta, punto 29).

42    In secondo luogo, si deve ricordare che lĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ mira a garantire il rispetto dellĠobbligo gravante sugli Stati membri, ai sensi dellĠart. 5, n. 1, della stessa direttiva, di provvedere affinchŽ almeno un elenco completo e almeno un servizio completo di consultazione degli elenchi siano messi a disposizione degli utenti finali. Dal momento che si tratta di una prescrizione minima che gli Stati membri sono tenuti ad osservare, essi rimangono liberi, in linea di principio, di adottare disposizioni pi severe allo scopo di agevolare lĠingresso di nuovi operatori sul mercato della fornitura di elenchi e dei servizi di consultazione accessibili al pubblico.

43    Pertanto, il QNC non osta ad una normativa nazionale, come quella di cui trattasi nella causa principale, che, rivolgendosi a qualunque impresa che assegna numeri di telefono a utenti finali, incide sulle imprese di comunicazioni elettroniche in modo generale e non discriminatorio, purchŽ tuttavia una simile normativa non invada le competenze attribuite alle ANR dalle disposizioni del QNC (sentenza Telekomunikacja Polska, cit., punti 27 e 28; v., altres“, sentenza 3 dicembre 2009, causa C-424/07, Commissione/Germania, Racc. pag. I-11431, punti 78 e 91-99).

44    Nel caso di specie deve ritenersi che una normativa nazionale, come quella di cui trattasi nella causa principale, non incida su alcuna competenza espressamente attribuita dal QNC allĠANR in questione.

45    Difatti, da una parte, lĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ non attribuisce alcuna competenza particolare e non impone alcun obbligo specifico alle ANR. Tale disposizione pone obblighi soltanto a carico degli Stati membri in quanto tali.

46    DallĠaltra, una normativa nazionale, come quella di cui alla causa principale, non pregiudica affatto le competenze dellĠANR interessata afferenti allĠanalisi dei diversi mercati di comunicazioni elettroniche e allĠimposizione di obblighi regolamentari alle imprese che dispongono di un rilevante potere di mercato e che non si trovino in una situazione di concorrenza effettiva, risultanti dagli artt. 16 della direttiva-quadro e 17 della direttiva Çservizio universaleÈ. Tuttavia, la sola circostanza che, nel caso in cui le imprese in questione rispettino la normativa nazionale di cui trattasi nella causa principale, lĠANR, a seguito di unĠeventuale analisi del mercato al dettaglio rilevante, non sia pi chiamata a ricorrere ad un particolare dispositivo, vale a dire lĠimposizione di un obbligo a carico di unĠimpresa che disponga di un rilevante potere di mercato di trasmettere dati esterni ad imprese terze, non consente di ritenere che le competenze che derivano allĠANR interessata dallĠart. 17 della direttiva Çservizio universaleÈ siano direttamente pregiudicate (v. per analogia, relativamente ad un divieto generale di vendite collegate, sentenza Telekomunikacja Polska, cit., punto 28).

47    Da tutto quanto precede risulta che la prima questione deve essere risolta dichiarando che lĠart. 25, n. 2, della direttiva Çservizio universaleÈ va interpretato nel senso che non osta ad una normativa nazionale che imponga alle imprese che assegnano numeri di telefono agli utenti finali lĠobbligo di mettere a disposizione delle imprese la cui attivitˆ consiste nel fornire elenchi telefonici e servizi di consultazione accessibili al pubblico non solo i dati relativi ai propri abbonati, ma anche quelli di cui esse dispongono relativi agli abbonati di imprese terze.

 

Sulla seconda questione

48    Con la sua seconda questione il giudice del rinvio chiede, in sostanza, se lĠart. 12 della direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ subordini la trasmissione ad unĠimpresa la cui attivitˆ consiste nella fornitura di elenchi e di servizi di consultazione accessibili al pubblico, da parte di unĠimpresa che assegna numeri di telefono, dei dati di cui dispone relativi agli abbonati di unĠimpresa terza al consenso o alla mancata opposizione di questa o dei suoi abbonati.

49    Al riguardo occorre rilevare che lĠart. 8, n. 1, della Carta dei diritti fondamentali dellĠUnione europea (in prosieguo: la ÇCartaÈ) sancisce che Ç[o]gni persona ha diritto alla protezione dei dati di carattere personale che la riguardanoÈ.

50    La direttiva 95/46 mira ad assicurare, negli Stati membri, il rispetto del diritto alla tutela dei dati personali.

La direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ, come risulta dal suo art. 1, n. 2, specifica e completa la direttiva 95/46 nel settore delle comunicazioni elettroniche.

51    Il diritto alla protezione dei dati personali non appare tuttavia come una prerogativa assoluta, ma va     considerato alla luce della sua funzione sociale (sentenza 9 novembre 2010, cause riunite C-92/09 e          C-93/09, Volker und Markus Schecke e Eifert, non ancora pubblicata nella Raccolta, punto 48 e  giurisprudenza ivi citata).

52    LĠart. 8, n. 2, della Carta autorizza infatti il trattamento dei dati personali in presenza di determinate condizioni. A tale riguardo detta disposizione prevede che i dati personali Çdevono essere trattati secondo il principio di lealtˆ, per finalitˆ determinate e in base al consenso della persona interessata o a un altro fondamento legittimo previsto dalla leggeÈ.

53    La trasmissione dei dati personali degli abbonati ad unĠimpresa terza che intenda fornire elenchi e servizi di consultazione accessibili al pubblico costituisce un trattamento di dati personali ai sensi dellĠart. 8, n. 2, della Carta, che pu˜ essere effettuato soltanto Çin base al consenso della persona interessata o a un altro fondamento legittimo previsto dalla leggeÈ.

54    Orbene, dalla direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ risulta che essa assoggetta la pubblicazione dei dati personali relativi agli abbonati in elenchi cartacei o elettronici al consenso di detti abbonati.

55    In tal senso, lĠart. 12, n. 2, della citata direttiva stabilisce che gli abbonati hanno la possibilitˆ di decidere se i loro dati personali – e, nellĠaffermativa, quali – debbano essere riportati in un elenco pubblico.

56    Invece, non vi  nella direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ alcuna disposizione diretta a subordinare la pubblicazione di dati personali relativi agli abbonati a un qualsivoglia consenso dellĠimpresa che ha attribuito i numeri di telefono di cui trattasi o che disponga di dati esterni. Difatti, una simile impresa non pu˜ esercitare, a titolo personale, il diritto di consenso riconosciuto ai soli abbonati.

57    Con la seconda questione il giudice del rinvio chiede altres“ se lĠart. 12 della suddetta direttiva subordini la trasmissione di dati personali a unĠimpresa terza la cui attivitˆ consiste nel fornire elenchi e servizi di consultazione accessibili al pubblico ad un ulteriore consenso dellĠabbonato, nel caso in cui questĠultimo abbia acconsentito alla pubblicazione dei propri dati personali in un unico elenco, nel caso specifico quello predisposto dalla Deutsche Telekom.

58    A questo proposito si deve anzitutto ricordare che dallĠart. 12, n. 1, della direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ nonchŽ dal trentottesimo ÔconsiderandoĠ della stessa si evince che gli abbonati sono informati, prima di essere inseriti negli elenchi pubblici, in merito agli scopi per cui questi ultimi sono compilati, nonchŽ in merito ad ogni ulteriore utilizzo particolare che ne possa essere fatto, segnatamente grazie a funzioni di ricerca incorporate nelle versioni elettroniche degli elenchi stessi. Siffatta informazione preventiva consente allĠabbonato di rendere un consenso libero, specifico e informato, ai sensi degli artt. 2, lett. h), e 7, lett. a), della direttiva 95/46, alla pubblicazione, in elenchi pubblici, di dati personali che lo riguardano.

59    Il trentanovesimo ÔconsiderandoĠ della direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ precisa, in relazione allĠobbligo di informazione preventiva degli abbonati ai sensi dellĠart. 12, n. 1, della stessa direttiva, che Ç[s]e i dati [personali] possono essere trasmessi a uno o pi terzi, lĠabbonato dovrebbe essere informato su questa possibilitˆ e sul ricevente o sulle categorie di possibili riceventiÈ.

60    Tuttavia lĠabbonato, dopo aver ottenuto le informazioni di cui allĠart. 12, n. 1, della direttiva in parola, pu˜, come risulta dal n. 2 del medesimo articolo, decidere soltanto se i propri dati personali – e, nellĠaffermativa, quali – debbano essere riportati in un elenco pubblico.

61 Come rilevato dallĠavvocato generale al paragrafo 122 delle sue conclusioni, da unĠinterpretazione contestuale e sistematica dellĠart. 12 della direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ risulta che il consenso di cui al n. 2 di tale articolo riguarda lo scopo della pubblicazione dei dati personali in un elenco pubblico e non giˆ lĠidentitˆ di uno specifico fornitore di elenchi.

62    Infatti, in primo luogo, il tenore letterale dellĠart. 12, n. 2, della direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ non consente di ritenere che lĠabbonato disponga di un diritto selettivo di decidere in favore di determinati fornitori di elenchi abbonati e servizi di consultazione accessibili al pubblico. Va in proposito rilevato che  la pubblicazione in sŽ di dati personali in un elenco avente uno scopo particolare che pu˜ risultare pregiudizievole per un abbonato. Tuttavia, qualora questĠultimo abbia acconsentito a che i propri dati siano pubblicati in un elenco avente uno scopo particolare, non avrˆ interesse, di regola, ad opporsi alla pubblicazione degli stessi dati in un altro elenco simile.

63    In secondo luogo, il trentanovesimo ÔconsiderandoĠ della suddetta direttiva conferma che le trasmissioni di dati personali degli abbonati a terzi sono Çsoggette alla condizione che i dati non possono essere usati per scopi diversi da quelli per cui sono stati raccoltiÈ.

64    In terzo luogo, la direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ menziona un caso in cui pu˜ pr vedersi la necessitˆ di un consenso ulteriore o specifico dellĠabbonato. Infatti, in forza dellĠart. 12, n. 3, di tale direttiva, gli Stati membri possono disporre che sia richiesto il consenso degli abbonati anche per tutti gli scopi di un elenco pubblico diversi dalla sola ricerca di dati su persone sulla base del loro nome e, ove necessario, di un numero minimo di altri parametri. Ai sensi del trentanovesimo ÔconsiderandoĠ della stessa direttiva  previsto che sia ottenuto nuovamente il consenso dellĠabbonato Ç[s]e la parte che raccoglie i dati dallĠabbonato o i terzi a cui i dati sono stati trasmessi desiderano usarli per uno scopo ulterioreÈ.

65    Ne consegue che, quando un abbonato sia stato informato dallĠimpresa che gli ha assegnato un numero di telefono della possibilitˆ della trasmissione dei dati personali che lo riguardano ad unĠimpresa terza, quale la Deutsche Telekom, affinchŽ siano inseriti in un elenco pubblico, e questi abbia acconsentito alla pubblicazione di tali dati in un simile elenco, nel caso specifico quello di tale societˆ, la trasmissione degli stessi dati ad unĠaltra impresa allo scopo di pubblicare un elenco pubblico, cartaceo o elettronico, ovvero di rendere siffatti elenchi consultabili attraverso servizi di consultazione, non deve essere nuovamente oggetto di un consenso da parte dellĠabbonato, qualora venga garantito che i dati in questione non saranno usati per scopi diversi da quelli per cui sono stati raccolti al fine della loro prima pubblicazione. Infatti, il consenso, ai sensi dellĠart. 12, n. 2, della direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ, di un abbonato debitamente informato allĠinserimento dei dati personali che lo riguardano in un elenco pubblico attiene allo scopo di tale pubblicazione e si estende pertanto a qualunque ulteriore trattamento di tali dati da parte di imprese terze attive nel mercato della fornitura di elenchi e di servizi di consultazione accessibili al pubblico, purchŽ un simile trattamento persegua la medesima finalitˆ.

66    Inoltre, quando lĠabbonato ha acconsentito alla trasmissione dei dati personali che lo riguardano ad unĠimpresa determinata affinchŽ siano inseriti in un elenco pubblico di tale impresa, la trasmissione degli stessi dati ad unĠaltra impresa che intende pubblicare un elenco pubblico, senza che detto abbonato abbia nuovamente prestato il proprio consenso, non pu˜ ledere la sostanza stessa del diritto alla tutela dei dati personali, riconosciuto dallĠart. 8 della Carta.

67    Si deve pertanto risolvere la seconda questione dichiarando che lĠart. 12 della direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ va interpretato nel senso che non osta ad una normativa nazionale che imponga ad unĠimpresa che pubblica elenchi telefonici pubblici lĠobbligo di trasmettere dati personali di cui essa dispone relativi agli abbonati di altri operatori telefonici ad unĠimpresa terza, la cui attivitˆ consista nel pubblicare un elenco pubblico, cartaceo o elettronico, o nel rendere tali elenchi consultabili attraverso servizi di consultazione, senza che una simile trasmissione sia subordinata ad un nuovo consenso degli abbonati, purchŽ tuttavia, da un lato, questi ultimi siano stati informati, prima dellĠiniziale iscrizione dei loro dati in un elenco pubblico, in merito allo scopo di questo nonchŽ del fatto che tali dati potranno essere comunicati ad un altro operatore telefonico e purchŽ, dallĠaltro, sia garantito che i dati in questione non saranno usati, dopo la loro trasmissione, per scopi diversi da quelli per cui sono stati raccolti al fine della loro prima pubblicazione.

 

Sulle spese

68    Nei confronti delle parti nella causa principale il presente procedimento costituisce un incidente sollevato dinanzi al giudice nazionale, cui spetta quindi statuire sulle spese. Le spese sostenute da altri soggetti per presentare osservazioni alla Corte non possono dar luogo a rifusione.

Per questi motivi, la Corte (Terza Sezione) dichiara:

 

1) LĠart. 25, n. 2, della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 7 marzo 2002, 2002/22/CE, relativa al servizio universale e ai diritti degli utenti in materia di reti e di servizi di comunicazione elettronica (direttiva Çservizio universaleÈ) deve essere interpretato nel senso che non osta ad una normativa nazionale che imponga alle imprese che assegnano numeri di telefono agli utenti finali lĠobbligo di mettere a disposizione delle imprese la cui attivitˆ consiste nel fornire elenchi telefonici e servizi di consultazione accessibili al pubblico non solo i dati relativi ai propri abbonati, ma anche quelli di cui esse dispongono relativi agli abbonati di imprese terze.

2) LĠart. 12 della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 12 luglio 2002, 2002/58/CE, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche (direttiva Çvita privata e comunicazioni elettronicheÈ) deve essere interpretato nel senso che non osta ad una normativa nazionale che imponga ad unĠimpresa che pubblica elenchi telefonici pubblici lĠobbligo di trasmettere dati personali di cui essa dispone relativi agli abbonati di altri operatori telefonici ad unĠimpresa terza, la cui attivitˆ consista nel pubblicare un elenco pubblico, cartaceo o elettronico, o nel rendere tali elenchi consultabili attraverso servizi di consultazione, senza che una simile trasmissione sia subordinata ad un nuovo consenso degli abbonati, purchŽ tuttavia, da un lato, questi ultimi siano stati informati, prima dellĠiniziale iscrizione dei loro dati in un elenco pubblico, in merito allo scopo di questo nonchŽ del fatto che tali dati potranno essere comunicati ad un altro operatore telefonico e purchŽ, dallĠaltro, sia garantito che i dati in questione non saranno usati, dopo la loro trasmissione, per scopi diversi da quelli per cui sono stati raccolti al fine della loro prima pubblicazione.

Firme

* Lingua processuale: il tedesco.