TRIBUNAL DE JUSTICIA DE LAS COMUNIDADES EUROPEAS

EUROPOS BENDRIJŲ TEISINGUMO TEISMAS

SOUDNÍ DVŮR EVROPSKÝCH SPOLEČENSTVÍ

EURÓPAI KÖZÖSSÉGEK BÍRÓSÁGA

DE EUROPģISKE FģLLESSKABERS DOMSTOL

IL-QORTI TAL-ĠUSTIZZJA TAL-KOMUNITAJIET EWROPEJ

GERICHTSHOF DER EUROPÄISCHEN GEMEINSCHAFTEN

HOF VAN JUSTITIE VAN DE EUROPESE GEMEENSCHAPPEN

EUROOPA ÜHENDUSTE KOHUS

TRYBUNAŁ SPRAWIEDLIWOŚCI WSPÓLNOT EUROPEJSKICH

∆ΙΚΑΣΤΗΡΙΟ ΤΩΝ ΕΥΡΩΠΑΪΚΩΝ ΚΟΙΝΟΤΗΤΩΝ

TRIBUNAL DE JUSTIāA DAS COMUNIDADES EUROPEIAS

COURT OF JUSTICE OF THE EUROPEAN COMMUNITIES

SÚDNY DVOR EURÓPSKYCH SPOLOČENSTIEV

COUR DE JUSTICE DES COMMUNAUTÉS EUROPÉENNES

SODIŠČE EVROPSKIH SKUPNOSTI

CÚIRT BHREITHIÚNAIS NA gCÓMHPHOBAL EORPACH

EUROOPAN YHTEISÖJEN TUOMIOISTUIN

CORTE DI GIUSTIZIA DELLE COMUNITň EUROPEE

EUROPEISKA GEMENSKAPERNAS DOMSTOL

EIROPAS KOPIENU TIESA

 

Stampa e Informazione

COMUNICATO STAMPA n. 93/08

16 dicembre 2008

 

Sentenza della Corte di giustizia nella causa C-73/07

Tietosujavaltuutettu / Satakunnan Markkinapörssi Oy e a.

LA CORTE DI GIUSTIZIA PRECISA IL RAPPORTO TRA LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI E LA LIBERTň DI STAMPA

 

Il trattamento di dati personali accessibili presso autoritą fiscali ai fini della realizzazione di un servizio di SMS che consenta agli utenti di telefoni cellulari di ricevere i dati fiscali di altre persone fisiche puė costituire oggetto di una deroga alla protezione dei dati se viene esercitato esclusivamente a scopi giornalistici

 

Da diversi anni la societą Markkinapörssi raccoglie, presso le autoritą fiscali finlandesi, dati accessibili al pubblico al fine di pubblicare estratti di tali dati, con cadenza annuale, nelle edizioni regionali del giornale Veropörssi. Tra le informazioni contenute in tali pubblicazioni rientrano nome e cognome di circa 1,2 milioni di persone fisiche aventi un reddito superiore a determinate soglie cosď come, con un’approssimazione di 100 euro, l’importo del reddito da capitale e da lavoro nonché indicazioni relative all’assoggettamento ad imposta del loro patrimonio. Tali informazioni sono comunicate in forma di elenco alfabetico e classificate per singolo comune e categoria di reddito.

 

La Markkinapörssi e la Satamedia, societą detenuta dagli stessi azionisti, alla quale i dati sono stati ceduti sotto forma di CD-ROM, hanno stipulato un accordo con una societą di telefonia mobile che, per conto della Satamedia, ha realizzato un servizio di SMS che consente agli utenti di telefoni cellulari di ricevere sul loro telefono, contro pagamento di circa 2 euro, le informazioni pubblicate nel Veropörssi. Su richiesta, i dati personali vengono ritirati dal servizio in questione.

 

In seguito a reclami di privati che lamentavano la violazione della loro vita privata, il mediatore incaricato della protezione dei dati ha chiesto di vietare alla Markkinapörssi e alla Satamedia di continuare a svolgere le attivitą relative al trattamento di tali dati personali.

 

La Corte amministrativa suprema finlandese (che deve statuire in ultimo grado sulla domanda) ha sottoposto alla Corte di giustizia alcune questioni sull’esatta interpretazione della direttiva comunitaria 95/46/CE relativa alla protezione dei dati 1. Essa ha chiesto in sostanza a quali condizioni le attivitą descritte possano essere considerate come un trattamento di dati effettuato esclusivamente a scopi giornalistici e, pertanto, possano costituire oggetto di deroghe e di limitazioni alla protezione dei dati.

 

Nella sentenza pronunciata oggi, la Corte rileva che le attivitą della Markkinapörssi e della Satamedia costituiscono un trattamento di dati personali che rientra nella direttiva 95/46/CE, anche se gli archivi delle pubbliche autoritą comprendono solo informazioni gią pubblicate in quanto tali nei media. Se cosď non fosse, la direttiva verrebbe resa ampiamente superflua. Infatti, agli Stati membri basterebbe far pubblicare determinati dati per eludere la tutela prevista dalla direttiva.

 

Inoltre, la Corte fa presente che gli Stati membri, pur consentendo la libera circolazione dei dati personali, devono garantire la tutela dei diritti e delle libertą fondamentali delle persone fisiche e in particolare la tutela del diritto alla vita privata, con riguardo al trattamento di tali dati.

Al fine di conciliare la tutela della vita privata e la libertą di espressione, gli Stati membri sono chiamati a prevedere determinate deroghe o limitazioni alla protezione dei dati, e quindi al diritto fondamentale alla vita privata.

ť consentito procedere a tali deroghe esclusivamente a scopi giornalistici o di espressione artistica o letteraria, rientranti nel diritto fondamentale della libertą di espressione e soltanto nei limiti in cui esse risultino necessarie per conciliare il diritto alla vita privata con le norme che disciplinano la libertą di espressione.

 

Onde tener conto dell’importanza riconosciuta alla libertą di espressione in ogni societą democratica, da un lato, occorre interpretare in senso ampio le nozioni ad essa correlate, tra cui quella di giornalismo. Dall’altro, la tutela del diritto fondamentale alla vita privata richiede che le deroghe e le limitazioni alla tutela dei dati debbano operare entro i limiti dello stretto necessario.

 

In tale contesto, la Corte considera che attivitą come quelle svolte dalla Markkinapörssi e Satamedia e che riguardano dati provenienti da documenti pubblici secondo la normativa nazionale, possono essere qualificate come «attivitą giornalistiche» qualora siano dirette a divulgare al pubblico informazioni, opinioni o idee, indipendentemente dal mezzo di trasmissione utilizzato. Esse non sono riservate alle imprese operanti nel settore dei media e possono essere connesse a uno scopo di lucro. Spetta pertanto alla corte amministrativa suprema valutare se le attivitą oggetto della causa principale abbiano come unica finalitą la divulgazione al pubblico di informazioni, opinioni o idee.

 

Note                                       

1 Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 24 ottobre 1995, 95/46/CE, relativa alla tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati (GU L 281, pag. 31).

 

Documento non ufficiale ad uso degli organi d'informazione che non impegna la Corte di giustizia Lingue disponibili: ES, DE, EL, EN, FI, FR, IT, PL, PT Il testo integrale della sentenza si trova sul sito Internet della Corte http://curia.europa.eu/jurisp/cgi-bin/form.pl?lang=IT&Submit=rechercher&numaff=C-73/07

Di regola tale testo puė essere consultato il giorno della pronuncia dalle ore 12 CET. Per maggiori informazioni rivolgersi alla dott.ssa Estella Cigna Angelidis tel. (00352) 4303 2582 fax (00352) 4303 2674 Talune immagini della lettura della sentenza sono disponibili su EbS, "Europe by Satellite" Servizio offerto dalla Commissione europea, Direzione Generale Stampa e Comunicazione L-2920 Lussemburgo, tel. (00352) 4301 35177, fax (00352) 4301 35249 o B-1049 Bruxelles, tel. (0032) 2 2964106, fax (0032) 2 2965956